• Report – un progetto per l’Europa

    Chi controlla il controllore (europeo)? Di Giorgio Mottola Lo sapevate che la sede di Strasburgo è vuota per 317 giorni l’anno? E che l’Unione ha due sedi, coi relativi costi: in appalti ha speso 349 miliardi di euro, soldi nostri su cui la Corte dei conti vuole fare luce. In totale sono tre le sedi: […]

  • Report – gli Stati Uniti d’Europa, la locomotiva tedesca e il nostro debito

    Parliamo di Europa, l’area più ricca del mondo. Insieme, i paesi europei potrebbero andare ben oltre l’unione monetaria, competendo con chiunque su democrazia ed economia. Ma non è così. Questa sera Report si occupa di Europa, quella che è ora e quella che potrebbe essere, immaginandosi un nuovo stato federale, l’unione di Stati Uniti Europei, […]

  • Non sempre la formula ce lo chiede l’Europa funziona

    Non sempre la formula ce lo chiede l’Europa funziona, come per le pensioni, per i salari da comprimere (assieme ai diritti e alle tutele) funziona. L’Europa chiedeva una legge contro la tortura e il Parlamento italiano e i vari governi non hanno proceduto a colmare questo vuoto legislativo. Anche per questo i responsabili delle vergognose […]

  • Scoperta Gazer, la backdoor russa che spia ambasciate e consolati in Europa – Analisi Eset –

    I ricercatori di ESET, il più il più grande produttore di software per la sicurezza digitale dell’Unione europea, hanno pubblicato i risultati di una ricerca condotta sulla backdoor Gazer – collegata al noto gruppo di cyber spionaggio russo Turla – che è stata utilizzata nell’ultimo anno in attacchi a consolati, ambasciate, ministeri e altre istituzioni […]

  • Le ricerche per l’attentatore di Barcellona si estendono in tutta Europa

    Il ministro degli Interni della Catalogna ha confermato che il sospettato di aver guidato il furgone contro la folla è il marocchino Younes Abouyaaqoub Credit: Reuters Le autorità catalane hanno detto che hanno esteso in tutta Europa le ricerche per arrestare Younes Abouyaaqoub, marocchino di 22 anni sospettato di aver ucciso 13 persone sulla Rambla […]

  • Challenge della salute in Europa

    Parte il 15 Novembre 2017 un particolare viaggio o meglio ancora una cosiddetta challenge. Dalla Campania esattamente dalla provincia di Avellino, a bordo di un furgone arancione con tanto di adesivi colorati partiranno due esperti alla volta dell’Europa. 15 Stati europei, 30 città differenti con uno scopo veramente interessante ossia il benessere psicofisico, a disposizione […]

  • EUROPA: SPARISCE UN BIMBO OGNI 2 MINUTI

     di Gianni Lannes Un orrore invisibile: bimbi e adolescenti trasformati in pezzi di ricambio e tutte le autorità a far finta di niente, grazie anche all’indifferenza generale. Ormai è ufficiale: ogni due minuti nel vecchio continente scompare un bambino, mentre sono 10 mila i minorenni stranieri non accompagnati che solo nel 2015, secondo i dati […]

  • LA MATTANZA DI BIMBI E RAGAZZI IN EUROPA

    di Gianni Lannes Ecco un tabù sociale. Nella nostra realtà senza etica appaiono invisibili: è come se non esistessero, ma sono comunque carne da macello: violentati, venduti, sfruttati, schiavizzati, espiantati. Alla fine di febbraio dell’anno 2017 dai centri di accoglienza italiani sono svaniti nel nulla ben 5.252 minori (bambini e adolescenti). E’ quanto attesta l’ultimo […]

  • GASDOTTO TAP: CORRUZIONE IN ITALIA E AL CONSIGLIO D’EUROPA

    di Gianni Lannes 2 milioni e 390 mila euro. A versarli tra il 2013 e 2014 è stato Elkhan Suleymanov, capo della lobby azera a Strasburgo e buon amico del presidente Aliyev. In sintesi il suo programma è concluso: giornalisti in prigione, una fortuna nascosta a Panama, repressione degli oppositori politici, guerra al confine, amichevoli […]

  • Aumento della radioattività in Europa

    Un misterioso aumento della radioattività è stato segnalato da gennaio in vaste aree dell’Europa senza motivo apparente. “Piccole quantità” di Iodio 131, materiale radioattivo di fabbricazione umana, sono state rilevate in tutto il Continente, a partire dal Nord della Norvegia, poi sempre più a Sud verso l’Europa centrale e probabilmente anche in Italia. Nonostante l’aumento […]

  • NUVOLA RADIOATTIVA SULL'EUROPA

    Roma, 22 feb. (fonte: Askanews) – Un misterioso aumento della radioattività è stato segnalato a gennaio in vaste aree dell’Europa senza motivo apparente. Piccole quantità di Iodio 131, materiale radioattivo di fabbricazione umana, sono state rilevate in tutto il Continente, a partire dal Nord della Norvegia, poi sempre più a Sud. Nonostante l’aumento della radioattività […]

  • Nube radioattiva sull'Europa: ancora ignota l'origine della nube

    Sembra senza conseguenze il passaggio di una nube radioattiva sull’Europa, nelle ultime settimane, ma non si conosce l’origine dell’evento.   Da un articolo comparso su Focus.it sembra che a Gennaio 2017 sul nord Europa Vi fosse una nube radioattiva prodotta dal decadimento dello iodio 131. Non è stata localizzata la fonte di tale nube.  . […]

  • GLIFOSATO IN EUROPA

    di Gianni Lannes Il profitto è più importante della salute di 500 milioni di europei. Il glifosato è stato dichiarato «potenzialmente cancerogeno per l’uomo» nel marzo 2015 dall’Associazione di ricerca sul cancro (Airc), che lo classificato nei fattori di rischio del gruppo 2A (assieme alle carni rosse e al bitume), dimostrando tra l’altro una correlazione […]

  • ENERGAS: SINDACO RICCARDI DOV'E' IL SUO RICORSO ALL'EUROPA?

    di Gianni Lannes Il sindaco pro tempore Riccardi Angelo del piddì, ha dichiarato a più riprese sulla stampa locale, anche attraverso un proprio comunicato datato 16 novembre 2016, di aver depositato personalmente un ricorso alla Commissione europea, ovvero una denuncia contro lo Stato italiano, relativa all’Energas.Se così fosse, perché non ha reso pubblico questo documento […]

  • GLI SPRECHI DELL’EUROPA

    di Gianni Lannes Almeno sulla carta l’unione europea doveva garantire progresso e prosperità ai popoli del vecchio continente, ma invece di assicurare una vita migliore a cittadine e cittadini, incrementa il malaffare. Basta dare un’occhiata ai fondi europei elargiti a pioggia, per rendersi conto. Quanto al cattivo governo dell’Unione da parte di soggetti addirittura non […]

  • L'India elimina il contante. Seguiranno Europa e Australia

    Dopo l’India anche l’Australia dovrebbe togliere dalla circolazione le banconote di grossa taglia. È l’opinione degli analisti di Ubs, promotori di una guerra ai contanti sempre più globale. Nel paese asiatico l’abolizione delle banconote ha scatenato il caos, ma questo non ha impedito alla banca svizzera di suggerire ad altri paesi di seguire le orme […]

  • EUROPA: MENO GRASSI TRANS NEI CIBI

    ALT – Associazione per la Lotta alla Trombosi e alle malattie Cardiovascolari – Onlus si congratula con la Commissione Europea che ha oggi approvato quasi all’unanimità  una risoluzione relativa all’utilizzo di grassi trans  (TFAs) nell’industria alimentare. Gli acidi grassi trans sono responsabili, insieme ad altri fattori di rischio (quali colesterolo, ipertensione, predisposizione famigliare e personale, diabete, […]

  • Putin avvisa gli Stai Uniti e l'Europa

    La situazione è grave anche per l’Italia, la quale ha inviato nei giorni scorsi soldati in Lettonia, per difenderne i confini. Un video davvero inquietante quello che vi stiamo per mostrare. Il mondo si sta dirigendo verso la terza guerra mondiale, e nessuno ne parla, tutti i giornali e le tv hanno censurato la notizia. […]

  • ITALIA: PRIMO OBIETTIVO DI GUERRA NUCLEARE IN EUROPA!

     di Gianni Lannes Gli F35 sono cacciabombardieri nucleari. Ognunoavrà in dotazione, da Washington, due bombe atomiche modello b 61 versione 12. Questi strumenti di sterminio del genere umano saranno dislocati in Puglia, ad Amendola e Grottaglie.  Si tratta di ordigni ancora più potenti e dirompenti, che rendono l’Italia il primo obiettivo di guerra e rappresaglia […]

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.