• La gestione del debito pubblico italiano dopo il Covid-19

    Uno dei problemi da affrontare dopo l’emergenza Covid sarà la gestione del debito pubblico italiano, nel momento in cui il rapporto debito/Pil raggiungerà un valore molto alto: sia per l’aumento del numeratore dovuto alla spesa in deficit per finanziare gli incentivi economici richiesti dalla pandemia Covid-19, sia per la diminuzione del denominatore dovuto alla contrazione […]

  • Mps, la banca salvata a debito dei cittadini

    Se un imprenditore sbaglia investimenti fallisce. La sua azienda si dissolve nelle mani di un curatore fallimentare che “onora” i creditori con quel che rimane di esigibile in proporzione alle priorità. L’imprenditore non potrà più per almento 5 anni aprire altre attività, in quanto “incapace”, secondo la logica giuridica, e quindi “deleterio” o “pericoloso” per […]

  • Zoé Konstantopoulou rivela la natura del debito rivendicato alla Grecia e invita a continuare la resistenza

    I debiti soffocano i cittadini e i governi che scelgono di salvare le banche o il settore dell’edilizia abitativa, invece di proteggere la vita delle persone. Zoé Konstantopoulou e Eric Toussaint parlano del “sistema debito” nel Forum sociale organizzato a Benicàssim. Spese, tagli di bilancio, crescita del debito, salvataggio delle banche … Questo tipo di vocabolario […]

  • Solo un Paese Fottuto nell’Anima Chiama il Debito “Flessibilità”

    (flessibile) Ci vuole “flessibilità” L’Europa non ci concede abbastanza “flessibilità” Matteo Renzi ha chiesto più “flessibilità” Flessibilità suona bene, flessibilità è una parola figa, flessibilità è una caratteristica di intelligenza, un corpo flessibile è sano. Peccato che in questo caso significa “Deficit” oppure “Debito”. Quindi traduciamo dalla neolingua governativa, adottata dai merdosi media italiani in […]

  • ITALIA AL 5° POSTO PER RAPPORTO DEBITO/PIL NEL MONDO

    L’Italia nel 2015 è al 5° posto per rapporto debito/pil nel mondo. Ha infatti un valore pari al 135,8. Superano il Bel Paese solo altri 4 Stati. Al top abbiano il Giappone con il 227,9%, seguito dallo Zimbabwe al 205,3%, dalla Grecia al 171,3 dal Libano con 138,8%. Fonte(source) —LEGGI TUTTO(read more)—

  • CINA: la grande bolla del debito ma Pechino ha le spalle larghe [feedly]

    —- CINA: la grande bolla del debito ma Pechino ha le spalle larghe // IntermarketAndMore   In passato ho più volte preso in esame il fenomeno economico cinese, proprio per la sua particolarità ma anche per la sua importanza. Se vi interessa l’argomento, fatevi un ripassino, troverete cliccando QUI molti spunti interessanti che vi aiuteranno […]

  • DEBITO PUBBLICO: LA MONETIZZAZIONE E’ UNA CURA? (di Raffaele Mattera con commenti di Fabio Lugano e di altri autori….) [feedly]

    —- DEBITO PUBBLICO: LA MONETIZZAZIONE E’ UNA CURA? (di Raffaele Mattera con commenti di Fabio Lugano e di altri autori….) // Scenarieconomici.it       Abstract: Questo è un post diverso rispetto alla solita linea editoriale del sito, per questo motivo i lettori sono avvisati. Il debito pubblico, nonostante siano numerosi i lettori con una visione compatibile […]

  • “Rapporto sull’andamento del Debito Pubblico”: devastante (fonte Ministero dell’Economia) [feedly]

    —- “Rapporto sull’andamento del Debito Pubblico”: devastante (fonte Ministero dell’Economia) // Finanza in Chiaro Ebbene sì, è lo stesso Ministero dell’Economia che nel suo rapporto annuale ci informa dell’allarmante andamento del nostro Debito Pubblico. Sappiamo tutti che il nostro Debito Pubblico, giorno dopo giorno, mese dopo mese, trimestre dopo trimestre continua ad aumentare in una […]

  • ECCO IL 50° SEGNALE DELLA RIPRESA: RECORD ASSOLUTO DEL DEBITO PUBBLICO

    di LUIGI CORTINOVIS Qualche giorno fa, hanno esultato per il nuovo record di entrate tributarie. Ieri, è arrivato il dato che a giugno, come rileva Bankitalia, il debito delle amministrazioni pubbliche si è attestato a 2.248,8 miliardi, in aumento di 70 miliardi rispetto a maggio. Quello toccato dal debito pubblico italiano è il record più alto […]

  • ITALIA CRESCITA ZERO, IN DEFLAZIONE E CON NUOVO RECORD DEL DEBITO PUBBLICO

    Il Pil dell’Italia è rimasto invariato rispetto al trimestre precedente. Su anno il Pil cresce solo dello 0,7% nettamente meno della crescita del Pil degli altri Paesi (chi fa peggio cresce del’1,2%) e soprattutto meno delle previsioni: http://www.istat.it/it/archivio/189844. L’talia rimane in deflazione (è da febbraio che i prezzi scendono): http://www.istat.it/it/archivio/189794. Il debito intanto sale a 2.448,8 miliardi […]

  • Debito e demografia, la tenaglia che rischia di stritolare il Giappone

    di Mario Seminerio – Il Fatto Quotidiano Contrariamente alle aspettative del mercato, venerdì scorso la banca centrale giapponese ha deciso di non aumentare la già straordinaria espansione monetaria in essere da circa tre anni, e che è parte della strategia nota come Abenomics, che prevedeva anche stimoli fiscali e riforme economiche dal lato dell’offerta, sui… […]

  • LA BCE E IL DEBITO PUBBLICO HANNO PEGGIORATO LA CRISI DELLE BANCHE ITALIANE

    di FRANCESCO SIMONCELLI* L’isterismo di questi giorno intorno alla situazione delle banche italiane, è qualcosa di davvero esilarante visto che è iniziata la classica corsa da parte dei policymaker alla rassicurazione più stupida. Ormai è fin troppo evidente alla maggior parte delle persone come questi clown non siano altro che degli sciamani voodoo che millantano […]

  • Siam pronti alla morte, il debito chiamò

    Intervistato da Libero, che ci fa sopra una vibrante collezione di titoli e sottotitoli patriottici (“La Merkel ci ruba le banche” è über alles), il vulcanico professor Giulio Sapelli si esibisce nel suo non originalissimo ma sempre godibile repertorio di stralunate citazioni storiche a sostegno della sua ossessiva visione neo-risorgimentale, al centro della quale ci… […]

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.