• Il Regno Unito si rifiuta di pagare 100 miliardi di euro per la Brexit

    Il ministro britannico David Davis ha riferito al Financial Times che le istituzioni europee sono pronte a chiedere questa cifra per procedere negli accordi La richiesta formale dell’uscita del Regno Unito dall’Europa è stata presentata il 29 marzo. Credits: Reuters Il ministro per la Brexit David Davis ha detto che il Regno Unito non pagherà […]

  • L'Unione europea pubblica le sue linee guida per la Brexit

    Bruxelles suggerisce che i negoziati per un accordo commerciale potranno iniziare una volta compiuti “progressi sufficienti” sul divorzio con il Regno Unito Il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk mostra la lettera di notifica della Brexit. Credit: Yves Herman L’Unione europea ha delineato la sua strategia per i negoziati sulla Brexit, attraverso le linee guida […]

  • Oggi è iniziata Brexit

    La lettera con la formale richiesta del Regno Unito di attivare la procedura per lasciare l’Unione Europea è stata consegnata a Donald Tusk: cosa succede adesso Donald Tusk, il presidente del Consiglio Europeo, riceve la lettera per Brexit firmata dall’ambasciatore britannico presso l’UE, Tim BarrowIl (EMMANUEL DUNAND/AFP/Getty Images) Nella notte di martedì 28 marzo, la […]

  • Il Regno Unito darà il via alla Brexit il 29 marzo

    La premier Theresa May invocherà l’applicazione dell’articolo 50 del Trattato di Lisbona per l’uscita dall’Unione europea La premier britannica Theresa May. Credits: Reuters Il Regno Unito scriverà ufficialmente alle istituzioni europee il 29 marzo per invocare l’applicazione dell’articolo 50 del Trattato di Lisbona. La richiesta darà il via all’uscita del paese dall’Unione europea. Lo ha […]

  • Brexit: l'Economist è dalla parte dell'Unione Europea

    E ora, si è arrivati all’arma del ricatto vero e proprio. A palesarlo è l’Economist che scrive: “Lo spirito di trionfo degli antieuropeisti del Regno Unito – afferma il settimanale britannico da sempre schierato contro la Brexit e a favore della Ue – è destinato a sgonfiarsi con la notifica di uscita dall’Unione Europea e […]

  • La Camera dei Comuni ha approvato Brexit

    Ora il 20 febbraio dovrà votare la Camera dei Lord, ma ci sono stati problemi tra i Laburisti Theresa May gets (AP Photo/Matt Dunham) Mercoledì 8 febbraio la maggioranza dei deputati della Camera dei Comuni del parlamento britannico ha approvato in terza e ultima lettura il disegno di legge che permetterà al governo di invocare […]

  • ANCHE LA STERLINA NON VA MALE DOPO LA BREXIT

    Il Ftse100 è andato benissimo dall’annun:cio della Brexi: http://petsalvatore.blogspot.it/2017/01/brexit-lftse-100-vola.html. Anche la sterlina non è andata male come tutti volevano farci credere. Non ha avuto un crollo ma una leggera discesa che l’ha portata a 0,9 punti nel cambio euro/gbp. All’annuncio dell’uscita anche dal mercato unico si è portata di nuovo verso gli 0,86 punti. E’ comunque […]

  • La Corte suprema britannica richiede il voto del parlamento sulla Brexit

    Il governo non può avviare le procedure previste dall’art. 50 del Trattato di Lisbona senza la pronuncia del parlamento, ma Downing Street ricorrerà contro la decisione Una bandiera europea sventola di fronte alla Corte suprema britannica a Londra. Credit: Stefan Wermuth È arrivata puntualmente alle 10 (le 11 in Italia) la decisione della Corte suprema […]

  • 1-4 Dicembre: Spedizione di Gruppo a Londra per il "Christmas Brexit Party" [feedly]

    —- 1-4 Dicembre: Spedizione di Gruppo a Londra per il “Christmas Brexit Party” // Il Grande Bluff Pronti partenza via! 1-4 Dicembre: Spedizione di Gruppo a Londra per il “Christmas Brexit Party”…. 😉 La massa italopiteca sta lì a tifare UK che avrebbe sfanculato la cattifissima UE votando il Brexit ed ogni giorno gongolano: “vedi […]

  • Il post-mortem del Brexit

    di Alasdair Macleod È passato un mese dopo il voto della Gran Bretagna per lasciare l’UE. Sono subentrati un nuovo primo ministro e un nuovo cancelliere, mentre David Cameron e George Osborne sono rimasti senza parole. Il terzo uomo nel triumvirato, Mark Carney, è ancora in carica. Dopo aver preso una posizione politica nel dibattito […]

  • Brexit: il prodotto civetta è stato smascherato

    di Gary North La sconfitta del “remain” il 23 giugno ha rappresentato uno dei più grandi giorni della mia vita. Ma io sono un americano. Perché dovrebbe interessarmi? Risposta: perché mi oppongo al Nuovo Ordine Mondiale da più di mezzo secolo. Ho guardato queste persone intelligenti arrivare alla fase finale del più grande prodotto civetta […]

  • la brexit fa dare una mossa agli inglesi ….a partire dalla metropolitana [feedly]

    —- la brexit fa dare una mossa agli inglesi ….a partire dalla metropolitana // Mercato Libero  Iniziata la rivoluzione notturna’ della metropolitana di Londra, destinata a garantire su alcune tratte dell’ampio network  un servizio h24. Le prime due linee che andranno oltre gli orari consueti sono la Central e la Victoria line, fra le più […]

  • Si sono Dimenticati di Avvisare i Consumatori Inglesi della Brexit, Panico a Bruxelles

    (pessimismo e fastidio) dal Sole 24 ore LONDRA – Brexit non ferma lo shopping: nonostante le previsioni di un crollo della fiducia dei consumatori britannici dopo il referendum, le vendite al dettaglio sono aumentate dell’1,5% nel mese di luglio, portando l’incremento su base annuale al 5,9 per cento…. E’ che per consumare, gli inglesi, consumano […]

  • Uk, la Brexit è una festa: vendite al dettaglio +5,9% [feedly]

    —- Uk, la Brexit è una festa: vendite al dettaglio +5,9% // Milano Finanza A luglio vendite al dettaglio nettamente superiori alle attese. Merito del bel tempo e dell’aumento dei turisti stranieri. Sterlina ai massimi da due […] —- Shared via my feedly reader Inviato da iPhone Fonte(source) —LEGGI TUTTO(read more)—

  • All'orizzonte un'altra Brexit molto (ma molto) vicina a noi [feedly]

    —- All’orizzonte un’altra Brexit molto (ma molto) vicina a noi // Trend Online A settembre il governo dovrà riuscire a risolvere la riforma delle pensioni, il contratto ad oltre 3 milioni di dipendenti statali e nel frattempo avere anche l’appoggio dell’opinione pubblica (probabilmente scontenta mancando le risorse per le due suddette voci) che potrebbe vendicarsi […]

  • I guai della Brexit per i britannici

    Come ho scritto in una puntata del Diario della crisi finanziaria di qualche tempo fa, sono stato nel cuore dell’Inghilterra post industriale pochi giorni dopo la vittoria del leave all’Unione europea, una vittoria non di larghissima misura ma anche un po’ inaspettata e in buona parte spiegata dall’incredibile astensionismo dei giovani (hanno votato il 36 […]

  • “La Frenata Del Pil è Colpa Di Isis, Brexit E Migranti”: Così Il Ministero Dell’Economia Cerca Di Giustificare La Tragica Situazione Del Paese (Eh… Già) [feedly]

    —- “La Frenata Del Pil è Colpa Di Isis, Brexit E Migranti”: Così Il Ministero Dell’Economia Cerca Di Giustificare La Tragica Situazione Del Paese (Eh… Già) // Piovegovernoladro La brusca frenata dell’economia italiana non è una “sorpresa” ed è legata soprattutto a fattori internazionali come terrorismo, Brexit e crisi dei migranti. Lo sostiene il ministero […]

  • SPY FINANZA/ Brexit, i numeri scomodi per l'Ue [feedly]

    —- SPY FINANZA/ Brexit, i numeri scomodi per l’Ue // Il Sussidiario.net Dopo oltre un mese dal referendum sulla Brexit, i dati economici che arrivano dalla Gran Bretagna non sono disastrosi come dicevano i sostenitori del Remain, dice MAURO BOTTARELLI (Pubblicato il Thu, 11 Aug 2016 06:04:00 GMT) GEO-POLITICA/ Così Russia, Turchia e Iran mettono […]

  • SITUAZIONE STERLINA DOPO LA BREXIT

    Dopo la Brexit in pochi giorni la sterlina è passata da 0,76€ a 0,86€. Poi il grafico dell’eur/gbp è entrato in una fase laterale. La sterlina si muove tra 0,83€ e 0,86€. La Brexit comunque non è stata un disastro per la moneta inglese come volevano farci credere. La Sterlina, infatti è ancora lontana dal […]

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.