Stampa / Print

Gli armeni antichi usavano diversi attrezzi telescopici per mappare il cielo notturno. In questo articolo parleremo in modo approfondito di un centro astronomico in particolare, quello di karahunj uno dei più antichi osservatori al mondo.

Carahunge o Karahundj, Zorakarer è di 3, 500 anni più vecchio di Stonehenge e 3000 anni più vecchio delle piramidi egiziane. La superficie totale dell’osservatorio è di 7 ettari, il sito si trova su un promontorio roccioso vicino Sisian. Circa 223 tombe di pietra di grandi dimensioni sono state trovate in quella zona.

Molti archeologi che hanno visitato karahunj hanno stabilito che il sito era stato un tempio con un grande osservatorio molto sviluppato. Il tempio era dedicato al Dio armeno Ari Dom l’equivalente Dio del Sole Orus venerato dagli egizi , il sito è stato datato intorno al 7600-4500 anni a.C.

Tutta l’Armenia, e in particolare la regione montagnosa di Zangezur, è ricca di resti preistorici. Nelle varie regioni della provincia di Sisian si trovano molti monumenti megalitici, che sono tra le più antiche strutture in pietra mai erette. Esempi di questa cultura megalitica sono i dolmen e le simili pietre menhiriche a Anghelakotiche che appartengono al secondo millennio a.C.

Non dovrebbe essere una sorpresa per chi conosce qualche aspetto della storia armena, l’astronomia è una parte importante della cultura nazionale. Simboli Sun, segni zodiacali, e antichi calendari predominarono nella regione, mentre il resto del mondo stava nascendo culturalmente parlando compresi Egitto e Cina, i primi simboli cosmici ha cominciato a comparire sul lato della montagna Geghama Range intorno al 7000 aC …

Il culto di Sirio

Come per altre civiltà, Sirio è molto probabilmente la stella adorata dagli antichi abitanti di Metsamor.

Tra il 2800-2600 a.C Sirio avrebbe potuto essere osservata da Metsamor, in quel periodo infatti, Sirio era alto nel cielo e facilmente distinguibile dalle altre stelle. E’ possibile che, come gli antichi egizi, gli abitanti del Metsamor collegassero la prima comparsa di Sirio con l’apertura dell’anno.

Coloro che vogliono osservare lo stesso cielo di Metsamor  in quel periodo antico, dovranno aspettare un po’. Sirio appare ora nel cielo invernale, mentre gli abitanti di Metsamor lo osservavano in estate. (A causa della rotazione della terra dentro la rotazione della Via Lattea, le stelle cambiano posizione  nel tempo. In un altro ciclo di  4.000 anni circa  Sirio apparirà di nuovo in quanto è tracciato dettagliatamente sulla mappa  stellare di Metsamor).

Costruzione umana? O opera degli Dei?

Come è possibile che uomini ancora primitivi tecnologicamente fossero in grado di costruire tutto ciò? Stiamo forse riscoprendo antiche conoscenze? Lascio a voi le considerazioni.

Fonte: invasionealiena

Karahunj 3: L’astronomia antica in Armenia

Tanti scienziati motivano l’utilizzo telescopico delle steli di Karahunj con la storia secolare dell’astrologia in Armenia. Gli armeni antichi usavano diversi attrezzi telescopici per mappare il cielo notturno.
Attualmente in Armenia c’è un’altro osservatorio antico che si trova a Mezamor e che risale al 5˚ millennio a.C.

Si dice che la divisione del cielo in costellazioni fu fatta migliaia di anni fa sull’altopiano armeno.

Secondo l’astrologo e storico inglese V. T. Olkott, l’Armenia è l’unico sito antico dove sono rappresentati tutti i segni zodiacali.

Ultimamente gli scienziati sono venuti alla conclusione che la famiglia linguistica indoeuropea prende origine dall’altopiano armeno da dove venne diffusa in Asia, nei Balcani, nella parte continentale della Grecia ed in Europa. Proprio da qui prendono radice la maggior parte delle lingue europee.

Nelle pitture rupestri delle montagne armene si incontrano tanti segni astrologici, come sulle rocce delle montagne di Ukhtassar ed Ishkhanassar.

Nelle pitture rupestri delle montagne che circondano il lago di Sevan e in diverse zone dell’Armenia sono rappresentati la terra, il sole, la luna, i pianeti, stelle, comete e costellazioni.

Secondo l’astrofisico Elma Parsamyan, che fece uno studio sull’osservatorio (2800-2500) di Mezamor (5000 a. C.), è possibile che le pietre di Karahunj siano una parte di un osservatorio più antico.
Sulla superficie di questo piano si trovano incisioni rare e un tavolo (trapezio) della metà del 3˚ millennio che mostra l’osservazione della stella Sirius sotto i raggi solari dell’aurora. Parsamyan guidò la prima ricerca di Karahunj/Zoraz Kar. Il suo lavoro su Mezamor è descritto nell’introduzione di “Karahunj” della versione russa di Stefan Hoking.

La naturale conseguenza di guardare e studiare le stelle è la comprensione del ciclo del tempo e il calendario.
Gli armeni ebbero un calendario (o tomar) fin dall’antichità: inizialmente lunare, poi lunare/solare, più tardi un calendario solare di 365 giorni, 12 mesi con 30 giorni ciascuno e uno con 5 giorni.

Ogni anno cominciava da Navassard (che corrisponde all’11 Agosto del nuovo calendario), nel periodo della raccolta dell’uva quando la costellazione di Hayk (Orione) era visibile nel cielo notturno. Ogni giorno e mese del calendario antico, come anche le ore del giorno, aveva un nome. L’anno 2492 a. C. era considerato l’inizio per calcolare l’antico calendario, quando regnava Hayk, il capostipite leggendario degli armeni.

L’astronomia nell’Armenia medievale continuò a svilupparsi grazie al matematico, geografo ed astrologo del 7˚ secolo Anania Shirakazi, i cui studi avanzati includono che la terra è tonda, i pianeti girano intorno al sole, la via di Hardagogh (Via Lattea) è composta di tante stelle deboli. Shirakazi aveva anche commentato con precisione l’eclissi di sole e di luna.

Più tardi, nel 1054, gli astrologi armeni registrarono nuovissime stelle nel mese di Maggio, alcuni mesi prima che ciò venisse fatto in Cina. La nebulosa della costellazione del Cancro, viene attualmente studiato nell’osservatorio di Byurakan (Armenia).
Nei manoscritti medievali armeni ci sono varie scritture che riguardano le comete, supernovae e altri fenomeni astronomici.

Fontewww.armenianheritage.org

.
Go to Source

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.