notizie
5° Bike Tour della Decrescita
Stampa / Print

Ci siamo! Il 10 luglio è alle porte e in quel di Mdf fervono gli ultimi preparativi del 5° Bike Tour della Decrescita. Quest’anno si attraverseranno i territori abruzzesi, umbri e marchigiani diventati tristemente famosi a causa dei terremoti del 2009 e del 2016. Luoghi tanto meravigliosi quanto marginalizzati dalle dinamiche dello sviluppo produttivista e consumista. Una marginalità che ha portato spopolamento e abbandono, ma che al contempo ha aiutato a conservare valori naturalistici eccezionali e permesso la sperimentazione di alternative sostenibili e solidali, tipiche dei luoghi più impervi e periferici.

Il Bike Tour ha proprio questo obiettivo: scoprire e conoscere chi nei rispettivi territori si impegna nella realizzazione di progetti di vita personale, familiare e di comunità in equilibrio con le risorse dei contesti in cui vivono. Un equilibrio difficile in cui si intrecciano economie e consumi mercantili con autoproduzione, sussidiarietà, resilienza, ma soprattutto condivisione, empatia e convivialità. Esperienze difficili anche solo da immaginare per chi è immerso nella società dei consumi.


Al fianco di Mdf e Altri Mondi Bike Tour, quest’anno ci sarà anche Terre Mutate, un’associazione che da anni costruisce reti fra quanti hanno scelto, dopo il sisma, di restare e – restando – di fare i conti con le precedenti scelte scellerate di urbanizzazione, ripensando il modo di vivere questi territori, considerandosi parte e non padroni di una natura che è selvaggia e maligna solo quando cerchi di violentarla.

Altri Partner del progetto sono:

3e32, un’associazione nata a L’Aquila all’indomani del sisma del 6 aprile 2009 per riunire chi ha deciso di restare e “resistere” in città, organizzando iniziative e dibattiti sul futuro dell’Aquila e sulla ricostruzione del cratere sismico affinché la popolazione sia realmente partecipe delle scelte da fare.

C.A.S.A., un’associazione di promozione sociale ma soprattutto uno spazio abitato e attraversato da più anime a Frontignano di Ussita (MC, Marche), una piccola frazione nel Parco Nazionale dei Monti Sibillini. Un porto di montagna: un crocevia di culture, energie, provenienze, esperienze e linguaggi differenti. Uno spazio per un dialogo all’insegna della sostenibilità ambientale, sociale ed economica.

BorgoFuturo, un’associazione che dal 2010 con Borgofuturo Festival immagina una prospettiva di sviluppo per il piccolo centro abitato della provincia italiana: un borgo sostenibile e innovativo; protetto, ma connesso. Il Festival, negli anni, è diventato il motore del territorio e della comunità ed è stato capace di innescare l’ideazione di un progetto molto più ampio.

ActionAid, un’organizzazione internazionale indipendente impegnata nella lotta alle cause della povertà. ActionAid basa il suo lavoro sul rispetto dei diritti umani e agisce insieme con le popolazioni e le comunità più emarginate attraverso programmi di sviluppo a lungo termine in Asia, Africa e America Latina.

Insomma, più che partner parliamo di amici, compagni di viaggio, in linea con tutto ciò che il Movimento della Decrescita Felice da sempre afferma e pratica: la consapevolezza che il cambiamento sia quotidiano e personale e che la rivoluzione più importante sia quella che ha inizio nelle proprie abitudini, negli stili di vita, nei consumi sobri e nel piacere della condivisione.  

Il percorso

Venerdì 10∕7 Arrivo a L’Aquila

h 19.00 Critical Mass

Sabato 11∕7 L’Aquila

h 18.30 corso di ciclomeccanica
h 21.30 Spettacolo di Altri Mondi Bike Tour

Domenica 12∕7 L’Aquila – Campotosto
43km, 900m su, 100m giù

Lunedì 13∕7 Campotosto – Accumoli
48km, 700m su, 1100m giù

Martedì 14∕7 Accumoli – Forca di Presta
37km, 1000m su, 700m giù (25km, 800m su, 300m giù)

Momento di riflessione interna sul viaggio

Mercoledì 15∕7 Forca di Presta – Ussita
39km, 600m su, 1100m giù

Incontro con C.A.S.A., Evento di Altri Mondi Bike Tour

Giovedì 16∕7 Ussita – Camerino
46km, 900m su, 1000m giù

Venerdì 17∕7 Camerino – Ripe San Ginesio
48km, 900m su, 1200m giù

Sabato 18∕7 Ripe San Ginesio

Giornata insieme al Social Camp di Borgofuturo

Domenica 19∕7 Ripe San Ginesio – Civitanova Marche
42km, 600m su, 1000m giù

Tuffo, saluti e alla prossima!

Chi siamo.

Mdf è è un’associazione nazionale, di sensibilizzazione pubblica per favorire il ben-essere delle persone e di tutti gli esseri viventi, attraverso stili di vita etici e sostenibili, a basso impatto ambientale e ad alto valore umano. Decrescere significa vivere meglio consumando meno, prediligere i rapporti interpersonali fondati sul dono e sulla reciprocità anziché su competizione e concorrenza; ridurre la propria impronta ecologica, limitare gli sprechi energetici e la produzione di rifiuti.

Altri Mondi Bike Tour è una comunità di artisti/ciclisti che gira l’Italia che resiste, che risponde ai conflitti ambientali, che tutela le proprie bellezze naturali, portando con sè un divertente e irriverente bagaglio di divulgazione scientifica e di racconti sull’intelligenza delle piante, della società e dei comportamenti degli animali

Per informazioni: biketour.decrescita@gmail.com

QUI l’evento Facebook
QUI la pagina Facebook del Bike Tour
QUI la pagina Facebook di Altri Mondi Bike Tour
QUI la pagina Facebook Mdf
QUI il sito Mdf
QUI il sito di Altri Mondi Bike Tour

 

 Per rimanere in contatto con il Movimento per la Decrescita Felice
Email e sito: info@decrescitafelice.it www.decrescitafelice.it
Iscrizione alla Newsletter: https://www.decrescitafelice.it/iscriviti-alla-newsletter/
Iscrizione canale Telegram della Decrescita Felice: https://t.me/decrescitafelice

Campagna di sostegno alla Decrescita Felice:
5×1000 dell’IRPEF alla Decrescita Felice: codice fiscale 97726380013
Satispay: https://tag.satispay.com/MovimentoperlaDecrescitaFelice
Bonifico: Iban IT27J0501801000000011230349 Banca Etica Filiale di Torino

L’articolo 5° Bike Tour della Decrescita sembra essere il primo su MDF.

.
Go to Source

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.