Stampa / Print
di Gianni Lannes

Lo Statochiede soldi agli Italiani per sostenere la Protezione Civile e cosa si scopre? Che il governo Conte-Di Maio adesso regala ben 50 milioni di euro per aiutare gli imprenditori tunisini in Tunisia, non quelli italiani, sempre più tartassati da tasse inique. Però, è noto dai tempi di Pinocchio: a ben vedere, le bugie hanno le gambe corte, nonostante il bianchetto ministeriale e diplomatico spalmato (tardivamente) a piene mani per occultare la verità. 

 
Nel periodo più buio della storia della Repubblica, in cui l’Italia e l’Europa si apprestano ad affrontare una delle crisi economiche più drammatiche dal secondo dopoguerra, mentre nel nostro Paese l’attivitàproduttiva è stata arrestata dal governo del Conte bis e gran parte della popolazione sopravvive agli arresti domiciliari, con milioni di italiani privi di un reddito e danni economici attualmente incalcolabili, il ministero degli Esteri capeggiato dal pentastellato Luigi Di Maio, dona (non presta) ben 50 milioni di euro alla Tunisia. 

La notizia è stata lanciata il 25 marzo 2020, non dai pennivendoli italidioti (“professionisti” si fa per dire coadiuvati nell’attività di disinformazione pilotata, da balbettanti dilettanti allo sbaraglio, come a titolo d’esempio significativo il portalino cieco di Mentana) che dopo, come al solito hanno negato l’evidenza comodamente dalla propria cameretta interconnessi ad Internet, bensì dalla Reuters a Tunisi. Tuttavia, la più importante e qualificata agenzia giornalistica del mondo non ha esaminato il trattato italo-tunisino, altrimenti avrebbe titolato “l’Italia dona 50 milioni di euro”, perché di omaggio si tratta senza alcun dubbio:

«L’Italia concederà alla Tunisia un prestito di 50 milioni di euro per aiutare il Paese a far fronte all’emergenza coronavirus, secondo quanto riferito oggi da una fonte della presidenza tunisina e da una fonte della banca centrale del Paese nordafricano. La Tunisia ha confermato 114 casi di coronavirus, di cui quattro morti, e ha messo in atto misure di lockdown per impedire che il virus si diffonda ulteriormente». 
La Repubblica, 26 marzo 2020

 

Nessuno ha verificato la fonte e così l’errore è stato reiterato a cascata anche dai giornaloni di Roma e persino dall’Ansa, perché così fa comodo ai boiardi nullafacenti. Superficialità, sbadataggine, dilettantismo o peggio? Il giorno successivo, vale a dire il 26 marzo del corrente anno, la notizia è stata ripresa dal quotidiano del governo la Repubblica nei seguenti e testuali termini dal titolo «Tunisia, le “scelte italiane” del governo per affrontare il virus: industrie chiuse e sussidi, ma ancora da definire».

la Repubblica, 26 marzo 2020
Successivamente è scoppiata la polemica delle tifoserie avverse, senza che anima criata andasse a scavare alla radice, per accertare i semplici fatti inequivocabili. Il 27 marzo con una nota intitolata “Farnesina, credito Tunisia risale a 2017, sorpresi da polemiche“, il ministero dove bivacca Di Maio ha precisato che quei 50 milioni erogati alla Tunisia «non sono né un dono, né un regalo, bensì un credito (di aiuto) che rientra nel quadro del più ampio Memorandum of Understanding Italia – Tunisia siglato nel 2017, dunque ben tre anni fa. Non solo: il contratto di finanziamento è stato poi perfezionato il 18 marzo 2019». Vero o falso ministro Di Maio?

Insomma, quella propinata a livello ministeriale è la verità o la solita menzogna manipolata da propinare agli ingenui che lavorano ogni santo giorno? Dalla regia i bene informati mi suggeriscono alla lettera: “la seconda che hai detto”. Vediamo un pò le carte ufficiali cosa recitano a tale proposito, per afferrare la verità indicibile, ma a portata di chiunque, anche di scalcagnati aspiranti cronisti locali. 
   

 Memorandum Italia-Tunisia (stralcio)

 
Ecco qui, carta canta: il predetto accordo Italia-Tunisia prevede uno stanziamento di «165,5 milioni di euro, così ripartito: 100 milioni a credito d’aiuto e 65,5 milioni di euro a dono». Le cifre della matematica e le espressioni della lingua italiana non lasciano proprio alcun dubbio, sull’effettivo regalo ad una nazione straniera, di un’ingente somma di denaro pubblico, in un momento tragico; risorse economiche che potevano essere destinate magari a potenziare immediatamente le terapie intensive volutamente disastrate dalle autorità. Quattrini versati allo Stato italiano dagli ignari contribuenti nostrani, ormai con l’acqua alla gola o peggio. Peraltro, una clausola del predetto memorandum consente ai paesi contraenti, quindi all’Italia di recedere dall’accordo – azione giustificata da un’emergenza nello Stivale – e non erogare i soldoni. Chiunque può leggere la documentazione e capire l’imbroglio del dicastero targato Di Maio che forse non comprende appieno il significato, oltre alle lingue straniere, anche dell’idioma di Dante.

 

Il post oscurato!
Certo l’accordo italo-tunisino copre il periodo 2017-2020, ma il governo pro tempore del Conte bis poteva annullare l’elargizione senza problemi, a fronte del nostro dramma. Invece niente, anzi la Farnesina occulta la verità mentendo spudoratamente. Dunque, il versamento a fondo perduto, ovvero il dono (prove alla mano documentali e ufficiali) di 50 milioni di euro alle imprese tunisine risulta ufficialmente e specificatamente per l’emergenza Coronavirus, mentre i nostri imprenditori, i nostri commercianti, le nostre famiglie non hanno risposte, certezze e vivono nella paura di chiusure e fallimenti, sempre a causa del medesimo agente virale. Inoltre, i nostri operatori sanitari e i nostri agenti delle forze dell’ordine non hanno le dovute protezioni per poter operare in sicurezza, tanto da dover lavorare senza aver potuto fare il tampone per sapere se sono contagiati a loro volta, mandandoli allo sbaraglio. E non ci sono tamponi e medici per i nostri anziani dimenticati nelle case di riposo a morire di pena.

In un Paese civile, in uno Stato di diritto, un ministro degli esteri pizzicato da una semplice inchiesta giornalistica con le mani nella marmellata, quantomeno rassegna immediatamente le sue dimissioni e sparisce dalla scena politica per indegnità morale.

Per chi ancora non lo sapesse trai membri del governo italiano e altrove, la Tunisia non è una regione italiana. In sostanza, per fronteggiare l’emergenza nuovo coronavirus siamo così forti da giungere a fronteggiare le emergenze all’estero, dimenticando però la nostra patria.
Riferimenti:







https://www.repubblica.it/solidarieta/cooperazione/2020/03/26/news/tunisia-252364349/

.
Go to Source

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.