Stampa / Print

Nell’anniversario dell’assassinio di Lincoln, esplora 10 fatti sorprendenti su uno dei momenti più famosi della storia americana.

Lo stand inizialmente prevedeva di rapire Lincoln.

Dopo l’incontro con le spie confederate nell’estate del 1864, Booth guidò un complotto per rapire Lincoln , portarlo nella capitale confederata di Richmond, in Virginia, e usarlo come chip di contrattazione per garantire il rilascio dei prigionieri ribelli. Il 17 marzo 1865, Booth e i suoi compagni cospiratori si nascosero lungo una strada di campagna a Washington, DC, con l’intenzione di comandare la carrozza presidenziale che avrebbe dovuto condurre Lincoln a una rappresentazione di una commedia all’ospedale di Campbell a beneficio dei soldati feriti. Lincoln, tuttavia, ebbe un cambio di programma e non lo mostrò mai. Presto Booth ebbe anche un cambio di piano. Dopo la caduta di Richmond e del generale confederato Robert E. Lee alla resa ad Appomattox, decise di uccidere, piuttosto che rapire, Lincoln.

Ulysses S. Grant inizialmente doveva essere al fianco di Lincoln.

Pochi giorni dopo aver accettato la resa di Lee, il generale dell’Unione accettò l’invito di Lincoln a partecipare a “Our American Cousin” al Ford’s Theater la sera del 14 aprile 1865. La moglie del generale, tuttavia, era stata recentemente vittima della lingua acida di Mary Todd Lincoln e non volevo parte di una notte in città con la first lady. Grant indietreggiò, citando il desiderio della coppia di recarsi nel New Jersey per vedere i loro figli. Lincoln ha avuto un tempo sorprendentemente difficile trovare un sostituto. Il segretario alla guerra Edwin Stanton, il presidente della Camera Schuyler Colfax e persino il figlio Robert Todd Lincoln rifiutarono i biglietti prima che Clara Harris, figlia del senatore di New York Ira Harris, e il suo fidanzato, il maggiore Henry Rathbone, accettassero.

L’omicidio di Lincoln faceva parte di un complotto più ampio per decapitare il governo.

Booth e i suoi cospiratori complottarono non solo per uccidere Lincoln, ma Grant, il segretario di stato William Seward e il vicepresidente Andrew Johnson. L’inaspettata partenza di Grant lo rimosse come bersaglio, e George Atzerodt perse il coraggio e non riuscì a seguire il suo incarico di uccidere Johnson nella sua residenza nell’hotel Kirkwood House. Allo stesso tempo, Booth sparò a Lincoln, Lewis Powell fece irruzione nella casa di Seward e pugnalò ripetutamente il membro del gabinetto, che fu costretto a letto dopo un incidente mortale in carrozza. Seward in qualche modo sopravvisse all’attacco selvaggio.

Anche la vita degli ospiti dei Lincolns al Ford’s Theater è finita in tragedia.

Dopo aver sparato a Lincoln, Booth tagliò il braccio sinistro di Rathbone dal gomito alla spalla. Rathbone si riprese dalle ferite da taglio ma non dal trauma di quella notte. Dopo aver sposato Harris, che era anche la sua sorellastra, nel 1867, divenne sempre più irregolare e forse soffrì di stress post-traumatico. Due giorni prima di Natale del 1883, uccise e pugnalò a morte la moglie prima di pugnalarsi ripetutamente in un tentativo di suicidio. Ancora una volta, tuttavia, sopravvisse alle ferite da coltello. Rathbone ha vissuto i restanti tre decenni della sua vita in un manicomio per i pazzi criminali. (Il quarto membro della sezione presidenziale nella notte dell’assassinio, Mary Todd Lincoln, fu istituzionalizzata nel 1875.)

La morte di Lincoln non fu universalmente pianta nel Nord.

Mentre Martha Hodes racconta nel suo libro “Mourning Lincoln”, alcuni settentrionali che pensavano che Lincoln fosse troppo dittatoriale e alcuni radicali repubblicani che lo consideravano troppo indulgente nei confronti della Confederazione accolsero con favore la notizia del suo assassinio. Dopo un incontro di radicali repubblicani ore dopo la sparatoria, il deputato dell’Indiana George Julian ha registrato nel suo diario che “il sentimento universale tra gli uomini radicali qui è che la sua morte è una manna dal cielo”. Il senatore del Michigan Zaccaria Chandler scrisse a sua moglie che Dio aveva permesso a Lincoln vivere solo “finché è stato utile e poi ha sostituito un uomo migliore (Johnson) per finire il lavoro”.

Mary Todd Lincoln pensava che il vicepresidente fosse coinvolto nella cospirazione.

Ore prima di sparare a Lincoln, Booth aveva misteriosamente chiamato Johnson alla Kirkwood House e aveva lasciato un biglietto da visita scritto a mano che diceva: “Non voglio disturbarti. Sei a casa? J. Wilkes Booth. ”La first lady, mentre scriveva ad un amico, credeva“ che la miserabile ebbriosa Johnson fosse a conoscenza della morte di mio marito. Perché quella carta di Booth è stata trovata nella sua scatola? Alcuni conoscenti certamente esistevano. ”L’incapacità di Atzerodt di attaccare il vicepresidente fu persino vista da alcuni come una prova della complicità di Johnson.

Lincoln e Booth avevano avuto un precedente incontro al Ford’s Theater.

Il 9 novembre 1863, i Lincolns assistettero a un’esibizione di “The Marble Heart” con John Wilkes Booth al Ford’s Theater. Mary Clay, una delle ospiti della Lincoln, ha raccontato dopo l’assassinio che “due volte Booth nel pronunciare minacce spiacevoli nella commedia si è avvicinato molto e ha messo il dito vicino alla faccia del signor Lincoln”. Dopo che Booth fece un gesto minaccioso verso il presidente una terza volta, Clay disse: “Mr. Lincoln, sembra che lo intendesse per te. “Il presidente rispose:” Beh, mi guarda piuttosto acutamente, vero? “

Il letto di morte di Lincoln divenne rapidamente un’attrazione turistica.

Nelle ore successive alla morte di Lincoln nella camera da letto sul retro della pensione di William Petersen, di fronte al Ford Theater, i cacciatori di souvenir saccheggiarono la proprietà e strapparono numerose reliquie del presidente martirizzato. Decidendo di incassare se stesso, Petersen iniziò ad addebitare l’ammissione alle centinaia di persone in cerca di curiosità che venivano ogni giorno a vedere il sanguinoso letto di morte di Lincoln, che incredibilmente continuava a essere dormito dall’affittuario William Clark ogni notte. Petersen cadde in difficoltà finanziarie nel 1871 e morì dopo essere stato trovato sul prato della Smithsonian Institution dopo un’overdose di oppio.

Robert Todd Lincoln era nelle immediate vicinanze di altri due omicidi presidenziali.

Sedici anni dopo essere stato al capezzale della morte di suo padre, Robert Todd Lincoln era il segretario alla guerra del presidente James A. Garfield quando assistette al fuoco di Charles Guiteau due colpi di pistola che ferirono mortalmente il direttore generale all’interno di una stazione ferroviaria di Washington, DC. Il 6 settembre 1901, Lincoln arrivò a Buffalo per partecipare alla Pan-American Expo su invito di William McKinley solo per sapere che il presidente era appena stato ucciso. Lincoln visitò il capezzale di McKinley diverse volte prima che il presidente alla fine cedesse alle sue ferite.

Un’altra tragedia mortale ha colpito il Ford’s Theater durante il funerale del fratello di Booth.

Quando John T. Ford tentò di riaprire il Teatro Ford agli spettacoli il 10 luglio 1865, Stanton, che “si oppose al suo nuovo uso come luogo di divertimento pubblico”, inviò soldati pesantemente armati per impedire lo spettacolo. Il governo federale alla fine acquistò il Ford’s Theater per $ 100.000, sventrò l’auditorium e convertì l’edificio in uffici del dipartimento di guerra. Il 9 giugno 1893, nel preciso momento in cui i servizi funebri per Edwin Booth iniziarono all’interno della Church of the Transfiguration di New York, tre piani del Ford’s Theatre crollarono nel seminterrato e uccisero 22 lavoratori federali.

L’articolo 10 cose che potresti non sapere sull’assassinio di Lincoln proviene da La Teoria del Complotto.

.
Go to Source

About the author

Related Post

Leave a comment

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.