Stampa / Print

L’orgasmo del capezzolo, o “nipplegasm”, esiste eccome. Ancora non tutti lo sanno, ma è la nuova frontiera del piacere negli Stati Uniti. In cosa consiste esattamente questa nuova pratica per il piacere? E, soprattutto, siamo tutti in grado di raggiungerlo?

Secondo uno studio condotto da Herbert Otto, il 29 per cento delle donne dichiara di aver sperimentato l’”orgasmo al seno” almeno una volta nella vita. Otto si spinge a dire il nipplegasm è la seconda forma più comune di orgasmo tra le donne.

Così come uno studio pubblicato sul “Journal of Sexual Medicine” rileva che tra le varie zone erogene del corpo di una donna, i capezzoli sono tra i più sensibili alla pressione e alle vibrazioni.

Eppure, ci sono un sacco di donne che non gradiscono essere toccate troppo in una zona così sensibile. Secondo “Men’s Health”, un 7 per cento di femmine afferma che la stimolazione del capezzolo in realtà diminuisce l’eccitazione.

“Per alcune donne, il capezzolo è eccitante quanto un gomito. Semplicemente non fa per loro”, spiega la sessuologa e autrice Carlyle Jansen. Ma d’altronde, non è poi così sorprendente: esistono anche tante signore a cui non piace la stimolazione del clitoride.

Ma il “nipplegasm” non riguarda solo le femminucce. Nel suo studio, Komisaruk ha osservato che la stimolazione del capezzolo accende le stesse zone dei genitali anche negli uomini.

“La sessualità maschile viene spesso vista come tutta incentrata sul pene, al tal punto che quando gli uomini cominciano ad avere problemi di erezione, spesso rinunciano al sesso. Diversa è la situazione del mondo BDSM, dove il corpo nella sua integrità viene visto come fonte di esperienze sensoriali erotiche ed eccitanti.” (pensiamo ad esempio alla pinza per capezzoli o, nella forma più moderna, alle pinze vibranti).

Quando baci il seno della tua donna è meglio iniziare dalla base, dal punto più lontano del capezzolo. Bacia, usa la lingua, mordicchia il seno su tutta la base e inizia a spostarti verso il centro seguendo il livello di eccitazione della tua donna e prima di buttarti a capofitto sui capezzoli, dedica delle attenzioni anche ad altre parti del corpo per riscaldarvi un po’e rendere più sensibile il corpo.

Il tuo lavoro attorno al capezzolo sarà fondamentale: se accresci l’eccitazione, posticipando l’intervento della tua bocca, il livello di eccitazione potrà aumentare sempre più. Arrivati a questo punto, la tua donna ti supplicherà di baciarle i capezzoli o sarà lei che proverà a leccarli, cerca di dissuaderla, continuando ad occuparti del circondario e non cedere alle sue richieste, solo così la sua eccitazione (e la tua, sotto i suoi gemiti sempre più potenti) crescerà esponenzialmente.

Continua a muovere la tua lingua e la tua bocca intorno al seno, sempre più in alto, sempre più vicino al capezzolo. Poco prima di raggiungere il capezzolo, soffermati sull’aureola e, utilizzando solo la punta della lingua, lecca il contorno, senza sfiorare il capezzolo: proprio questa omissione farà la differenza. Dopo che la tua donna sarà arrivata a questo fatidico momento, ansimante e vogliosa, concedi tutte le tue attenzioni al capezzolo, leccalo, soffiaci su. Questo mix provocherà delle sensazioni alternate di caldo e freddo che faranno vibrare la tua compagna. Infine, avvolgi con la tua bocca tutto il capezzolo, inondandolo con il calore umido ed eccitato riuscirai ad inturgidire le protuberanze sul seno della tua donna. Mentre il suo capezzolo è nella tua bocca, colpiscilo con la lingua, seguendo il suo piacere ed assecondando i suoi gemiti.Poi, bacia il capezzolo e, con movimenti alternati, stimolalo con la lingua, mentre con le mani scuoti il seno in tutta la sua interezza.

Con il capezzolo tra le labbra, premi e fai in modo che queste ultime si comprimano verso l’interno; in questo modo si creerà una sorta di macina che, srotolata e arrotolata sul capezzolo produrrà un effetto di compressione su tutta la sua superficie. Comprimete le labbra, raggrinzendole, mantenendo il capezzolo in ostaggio, rilasciatele e raggrinzitele di nuovo, ciò provocherà degli sbalzi tra vuoto e pressione che farà totalmente abbandonare alle vostre attenzioni la vostra donna.

Qualcosa di piu’ piccante?

1. Se usi le mani mentre la bocca lavora sul suo seno, premi delicatamente la base con una mano, mentre con l’altra accarezza l’altro seno. Comprimi il seno come se stessi cercando qualcosa all’interno di esso; premi su tutta la superficie del seno, inizia dalla base, fino ad avvicinarti verso l’alto, dirigendoti verso la punta del capezzolo.

2. Se vuoi aumentare la sensibilità del capezzolo, puoi posizionare le dita su entrambi i lati del capezzolo, appena fuori l’aureola, e premere leggermente fino a far scorrere le dita affinché si irrigidisca. Il capezzolo sarà più esposto alle sollecitazioni e a te non resterà che usare la lingua o la bocca per fare divertire ancora di più la tua donna.

3. Strofina dell’olio per massaggi sul palmo della mano e massaggia il seno o, con la punta delle dita, stendilo alla base. Stringi il capezzolo con le dita, mentre con le mani accarezza i lati del seno; stringi e tira il capezzolo con delicatezza o con maggiore forza se sai che a lei piace.

4. Forse la tua donna preferisce che le dita accarezzino un solo seno mentre l’altro capezzolo viene succhiato con le labbra. O forse questo la distrae e preferisce che la tua attenzione si rivolga solo ad un seno. O forse le piace essere toccata sia sul seno e, contemporaneamente, su un’altra parte del corpo. Prova a chiedere cosa le piace e fatti condurre da lei!

5. Se sai che alla tua donna piace che usi i denti, puoi mordicchiarle i capezzoli delicatamente. Non esagerate perché la soglia che separa il piacere dal dolore è minima!

6. Per aumentare maggiormente le sensazioni di piacere, sciogli un cubetto di ghiaccio sul capezzolo o succhia quest’ultimo dopo aver sciolto il cubetto in bocca. Oppure, se hai raffreddato i capezzoli con il ghiaccio, sorseggia qualcosa di caldo appena prima di succhiarli.

7. Mentre giochi con il seno e con i capezzoli, bacia e lecca gli spazi intorno: scoprirai che molte zone attorno ai capezzoli sono molto erogene!

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.