Orata al forno

Stampa / Print
Ciao a tutti, oggi vi propongo un secondo piatto di pesce davvero semplice, orate al forno con scalogno, pomodorini e patate novelle del mio orto. Ho acquistato le orate già pulite, se non lo fossero praticate un taglio sulla pancia per eliminare le viscere in seguito le squamate con un coltello. Ho preferito cuocerle in una pirofila ben sigillata con carta stagnola. Una volta pronte fate attenzione a sollevare la carta stagnola, per il vapore imprigionato all’interno della pirofila, magari sollevate la carta con un mestolo.  Potete anche accartocciarle con le verdure nella carta stagnola o carta forno, il risultato sarà identico.
Vediamo di seguito come procedere per prepararle

Ingredienti per 2 persone: 

-2 orate del peso di circa 350 gr ciascuna
-8 pomodorini
-3 scalogni
-10 patatine novelle
-2 spicchi d’aglio
-4 fette di limone
-sale q.b
-pepe a piacere
-prezzemolo fresco a piacere
-olio extravergine di oliva q.b


Procedimento:

  1. per prima cosa vado a salare le orate, sia dentro la pancia che all’esterno, poi metto all’interno del prezzemolo, l’aglio tagliato in due e due fette di limone, facio la stessa cosa con l’altra orata
  2. metto dell’olio extravergine di oliva in una pirofila, ci adagio le orate e taglio gli scalogni, i pomodorini e le patate novelle piccole, se usate quelle grandi tagliatele in fette spesse circa mezzo centimetro. Metto del sale sulle verdure, del pepe a piacere, irroro il tutto con olio e metto delle foglie di prezzemolo sia sul pesce che sulle verdure. Sigillo bene la pirofila con carta stagnola ed inforno. Forno caldo statico a 200° per 40 minuti. Metto la teglia nel 2° livello del forno partendo dal basso
  3. a cottura ultimata, adagio la pirofila sul piano di lavoro e lascio freddare per 5 minuti. Come detto sopra fate attenzione a sollevare la carta stagnola per non rischiare di ustionarvi col vapore.
  4. impiatto l’orata con le verdure, ci metto del sughetto di cottura un po’ di prezzemolo fresco e un filo d’olio evo. Buon appetito!

di seguito la video ricetta

 

Fonte (source) – (go to source)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *