Crocetta, l’uomo rinascita del Pd ‘fugge’ dal fisco in Africa: “Qua conviene”

Stampa / Print
crocetta

Crocetta “fuggito” dal fisco: “Vivo in Tunisia, qua tasse al 5%” – di Alessandro Della Guglia – tratto da Il primato nazionale

Roma, 25 mar – Rosario Crocetta, ex governatore della Sicilia nonché ex idolo della sinistra benpensante, si gode la pensione in Tunisia.

Condannato dalla Corte dei conti a un risarcimento di circa 2 milioni di euro, assieme all’ex assessore al Lavoro Esterina Bonafede e all’ex dirigente del dipartimento Anna Rosa Corsello, Crocetta adesso prova a lanciare frecciate all’Italia.

Probabile che non gli sia andata giù la condanna dei giudici contabili sul progetto Spartacus, costato 35 milioni e affidato senza gara al Ciapi di Palermo: un progetto di formazione per gli ex 1.800 sportellisti e che, secondo la Corte dei conti, poteva costare appena un terzo.

Crocetta, l’uomo rinascita della Sicilia

Doveva, secondo i soliti guru della sinistra italiana, essere l’uomo della rinascita della Sicilia. Invece il suo governo è stato un disastro su tutti i fronti, tra un vortice continuo di assessori cambiati e indagini giudiziarie.

Dopo il fallimento politico la “fuga” in Africa, dalle parti di Mahdia, cittadina della costa tunisina a sud di Monastir. D’altronde la passione per il mondo arabo, Crocetta non l’ha mai celata: “Sono un cattolico comunista che ama l’islam”, disse una volta confondendo giusto un po’ di carte.

Ti potrebbe interessare anche: Canarie, paradiso europeo: benzina ad 1 euro, sigarette a 2 e IVA al 7%

Intercettato dal giornale La Sicilia, l’ex governatore ha confidato di vivere adesso da modesto pensionato espatriato: “Ho cambiato vita. Qui è un posto meraviglioso, lo frequento da anni”.

Tutto è bene quello che finisce bene insomma, magari se questa disavventura politica fosse finita un po’ prima ne avrebbe giovato un’intera regione.

Eppure Crocetta non sembra affatto subire la brutta esperienza del passato e ha deciso di prendere la residenza nell’amata Tunisia: “Dopo tanto tempo non è che potevo fare l’extracomunitario qui. E poi la pensione è tassata al 5%, è anche conveniente”.

Il pensionato Crocetta ha poi dichiarato che non poteva mantenersi la casa di Gela: “Non mi potevo più permettere condominio, donna delle pulizie, spese varie. Io, ora, sono un modesto pensionato che non si può permettere tre case”.

Povero ex governatore, ci sta scendendo una lacrima sul viso. Fonte: IL PRIMATO NAZIONALE – Titolo originale: Crocetta “fuggito” dal fisco: “Vivo in Tunisia, qua tasse al 5%”

L’articolo Crocetta, l’uomo rinascita del Pd ‘fugge’ dal fisco in Africa: “Qua conviene” proviene da informarexresistere.fr.

Fonte (source) – (go to source)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *