E’ vero che il duro lavoro, nel lungo termine, paga?

Stampa / Print

Si e no: è una questione
più sfumata di quanto sembri. Certo, da un lato stare sul divano a mangiare
patatine e guardare serie televisive non porta nessuno a grandi risultati,
questo è garantito.

Ma al tempo stesso è
anche abbastanza visibile che la vita non ricompensa necessariamente coloro che
lavorano come schiavi una marea di ore.

Personalmente ho visto
moltissime persone lavorare orari impossibili, giorno dopo giorno e avere alla
fine sempre lo stesso tipo di vita: la loro vita non prendeva mai una
traiettoria ascendente.

Perchè stavano
semplicemente passando più ore a fare le stesse cose.

Il ‘duro’ lavoro infatti
ti ricompensa solo fino a un certo punto. Oltre al quale vi sono ritorni in
progressiva diminuzione. Ma vi è un’alternativa per ottenere una vita
straordinaria. Un’ alternativa che non presenta ritorni in diminuzione ma che
paga sempre dividendi crescenti.

Di cosa si tratta? Del
‘lavoro emotivo’.

Potresti lavorare anche
cento ore a settimana, senza fare una singola ora di ‘lavoro emotivo’, e questo
è ciò che la maggioranza delle persone fa. Si occupa di compiti magari
faticosi, anche frustranti, ma che alla fine cadono sempre nella loro zona di
comfort. Per quanto sgradevoli, gli sono comunque familiari.

Il lavoro emotivo invece
comporta quel tipo di dolore e disagio che si prova nel forzarsi a fare
qualcosa di nuovo, ignoto, diverso.

Magari si tratta di
parlare a quello sconosciuto per strada, oppure fare quella telefonata scomoda
a un dirigente della propria azienda per chiedere il suo aiuto. Possono essere
cose che richiedono letteralmente due minuti del proprio tempo e tuttavia
causare ore e ore di duro lavoro emotivo, perchè il nostro ego cerca di
bloccarci usando paure, dubbi, vergogne, disagi.

Il trucco perfido della
vita è che a volte cento ore di lavoro ti portano avanti meno di quella scomoda
telefonata di cinque minuti.

Un concetto fondamentale
nella crescita personale è che il cambiamento deve avvenire a livello di
identità, non tanto di semplici comportamenti. Nel libro Psycho-Cybernetics,
Maltz, un chirurgo plastico, rivela la sorprendente statistica per cui molti
dei suoi clienti non si vedevano cambiati di fronte allo specchio anche dopo
un’operazione riuscita con successo. Questo perchè non era cambiato il loro
livello di identità.

Cambiare il nostro
livello di identità richiede lavoro emotivo. Perchè se la nostra identità è
quella del ‘ragazzo timido’, parlare a uno sconosciuto risulterò emotivamente
provante. Se la nostra identità è quella della persona ‘povera e semplice’,
stare a un evento di ricchi risulterà poco confortevole. E tuttavia fare quelle
azioni e forzarsi a stare in quelle situazioni è proprio ciò che serve per
smantellare quella stessa identità costruita nel tempo in modo del tutto arbitrario.

Ed è così che si può
costruire una vita straordinaria, in accordo ai propri desideri, essendo
disposti a pagare solo il prezzo del disagio emotivo.

Il duro lavoro può essere
sempre necessario di quando in quando, ma l’idea fondamentale è che non può mai
diventare la guida del tuo sviluppo. La guida del tuo sviluppo è sempre il
lavoro emotivo.

E quest’ultimo può essere
innescato da diverse situazioni o tecniche: fare cose che ti spaventano,
mettere in discussione le tue profonde convinzioni, mettere per iscritto i tuoi
pensieri subconsci, la meditazione, ritiri spirituali, viaggiare in luoghi non
familiari, trasferirti in un paese diverso, reinventarti professionalmente,
eccetera.

Il lavoro emotivo ti
spinge sempre avanti, non importa in quale area si trovi un’opportunità per
fare lavoro emotivo – business, relazioni, spiritualità, studio o altro – ogni
minuto di lavoro emotivo porta alla crescita complessiva di tutta la persona e
la vita. E’ sempre una occasione da cogliere.

E allora, non vi è tempo da perdere: prendi foglio e penna e componi una lista
di tutte le cose che puoi fare nella tua vita e mettile in ordine, non per il
tempo che richiedono, ma per il livello di difficoltà emotiva che ti
comportano. E se vuoi accelerare drasticamente la tua crescita e i tuoi
risultati, ora sai da dove partire.

Fonte (source) – (go to source)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *