Oro, per Ubs brilla ancora

Stampa / Print

Ubs in un
report dedicato ai metalli preziosi sottolinea che le banche centrali hanno
comprato 651,5 tonnellate d’oro lo scorso anno, il livello più elevato dalla
fine di Bretton Woods e dalla sospensione della convertibilità del dollaro in
oro del 1971. I maggiori acquirenti sono stati la Russia (274,3 tonnellate), la
Turchia (51,5 tonnellate), il Kazakhstan (50,6 tonnellate). “Mentre queste
tre banche centrali hanno rappresentato il 94% di tutti gli acquisti del 2017,
il loro peso nel 2018 è sceso al 58%. Acquirenti che erano scomparsi da molti
anni sono riemersi, come l’India (40,5 tonnellate), Ungheria (28,4 tonnellate)
e Polonia (25,7 tonnellate). Dopo un’assenza di oltre due anni la Cina ha
ricominciato gli acquisti nel dicembre 2018 e ha continuato nel 2019”.

Secondo Ubs
il tema degli acquisti delle banche centrali continuerà anche nel 2019. Le
Banche Centrali come investitori a medio-lungo termine hanno infatti
un’affinità con gli asset reali e possono tollerare la volatilità. Inoltre le
banche centrali apprezzano dell’oro l’assenza di rischio di credito e il suo
ruolo di copertura sull’inflazione. Detto questo “Gli acquisti delle
banche centrali, nonostante siano di aiuto, non sono sufficienti a dare una
spinta al prezzo dell’oro. I maggiori driver rimangono il dollaro Usa debole,
il tasso di interesse reale Usa, i rischi politici e la volatilità dei mercati
equity. La combinazione di tutti questi fattori dovrebbe far salire il
prezzo”, dice il report di Ubs. In particolare Ubs prevede a 12 mesi il
prezzo dell’oro a 1.350 dollari l’oncia rispetto agli attuali 1.311 dollari
l’oncia.

Fonte (source) – (go to source)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *