Rbc, le utility che rendono di più

Stampa / Print

Gli analisti
di Rbc Capital Markets hanno selezionato sui listini europei le utility che
hanno i dividend yield più elevati

1) Centrica. Il rendimento della cedola è
6,5% nell’esercizio 2019 e7,3% nel 2020. Sulla compagnia inglese, che
capitalizza 7 miliardi di sterline, il giudizio è negativo (underperform) con
target price 130 pence, del 6% superiore alla quotazione attuale. Il titolo
tratta sul listino della City 11,3 volte l’utile 2019 e 10,2 quello del 2020.

2) Sse. Il dividend yield è
rispettivamente 6,8 e 6,9%. Il rating del gruppo Uk è neutrale (sector perform)
con target price 1.225 pence, del 3,6% superiore alla quotazione attuale. Il
titolo, che capitalizza 12,2 miliardi di sterline, è scambiato 12,8 volte
l’utile 2019 e 11,5 quello del 2020.

3) Engie . Il dividend yield è
rispettivamente 5,7 e 6,8%. Sulla società francese il rating è outperform con
target price 16 euro, contro una quotazione attuale di 14,06 (+14%). Il titolo,
che capitalizza 33,6 miliardi di euro, è scambiato sul listino di Parigi 13,8
volte l’utile 2019 e 10,9 quello del 2020.

4) Enel . Il rendimento della cedola è
rispettivamente 6,2 e 7%. Il rating è positivo (outperform) con prezzo
obiettivo 5,50 euro, contro una quotazione recente di 5,28 (+4%). Il gruppo
guidato da Francesco Starace, che capitalizza 53,7 miliardi di euro, tratta
11,3 volte l’utile 2019 e 10 quello del 2020. 

5) Endesa. Il dividend yield è 6,6%
nell’esercizio 2019 e 6,7% nel 2020. Sul gruppo iberico il rating è neutrale
(sector perform) con target price 21 euro, inferiore alle quotazioni recenti.
Il titolo ha un p/e (prezzo/utile) di 15 sia nel 2019 che nel 2020.

6) Snam . Il rendimento della cedola è
5,6% nell’esercizio 2019 e 5,9% nel 2020. Sulla società che capitalizza 13,9
miliardi di euro, il rating è neutrale con target price 4,25 euro, in linea con
le quotazioni recenti. Il titolo ha un p/e (prezzo/utile) di 13,6 nel 2019 e di
13,2 nel 2020.

7) Enagas. Sulla società spagnola il
rating è negativo (underperform) con prezzo obiettivo 23 euro, inferiore alla
quotazione attuale di 25,27. Il p/e del titolo, che capitalizza 6 miliardi di
euro, scende da 14,6 dell’esercizio 2019 a 13 nel 2020. Il rendimento della
cedola è rispettivamente 6,4 e 6,7%.

Fonte (source) – (go to source)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *