Castagnole furbe semplici e veloci

Stampa / Print
Ciao a tutti, oggi vi propongo le castagnole furbe con un metodo velocissimo, in tal modo verranno tutte uguali. Praticamente mi è venuto in mente di stendere l’impasto e formare dei dischetti con un beccuccio di una sac a poche, oppure con uno strumento che avete in casa, anche un tappo di plastica per bottiglia.
Metterò il lievito per torte salate, perchè ho appurato che non lascia un sapore amarognolo in bocca, inoltre la consistenza a mio parere è migliore. Il sapore di queste castagnole somiglia molto all’impasto dei bomboloni, l’ideale è gustarle subito dopo la frittura, soffici e profumate!
Vediamo di seguito come prepararle


 Ingredienti:

-350 gr di farina 00
-80 gr di yogurt bianco naturale
-80 gr di ricotta
-50 gr di zucchero
-4 gr di sale
-20 gr di olio di semi
-2 uova
-8 gr di lievito istantaneo per torte salate
-scorza di limone biologico
-1 cucchiaino di estratto di vaniglia
-zucchero a velo vanigliato per spolverizzare a piacere



Procedimento:

  1. metto in una terrina lo yogurt, la ricotta, l’olio di semi, lo zucchero, il sale, 2 uova, la scorza di limone e l’estratto di vaniglia, mescolo bene il tutto
  2. aggiungo la farina setacciandola ed il lievito per torte salate, inizio ad impastare ottenendo un panetto compatto e abbastanza appiccicoso, lo trasferisco sul piano di lavoro e lo divido in due parti, così lo stenderò meglio
  3. lo infarino e lo stendo dello spessore di circa 7-8 millimetri, in seguito con un beccuccio diametro 3 cm formo tanti dischetti che sistemo su un canovaccio pulito. Con i ritagli di impasto formo altri dischetti
  4. metto una padella sul fuoco con abbondante olio di semi, controllo che l’olio sia a temperatura ed inizio a friggere le castagnole, le muovo durante la frittura con una schiumarola, in modo tale che abbiano una frittura uniforme, quando saranno dorate le trasferisco su un foglio di carta assorbente
  5. le spolverizzo con zucchero a velo vanigliato o se preferite con zucchero semolato e posso servire!
di seguito la video ricetta









Fonte (source) – (go to source)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *