Barrette ai fiocchi di avena con miele e nocciole tostate

Stampa / Print

barrette1

Buongiorno a tutti, come promesso oggi parliamo di come prepararci le barrette con i cereali, la ricetta è sicuramente da perfezionare per via della quantità di miele utilizzata, ma per essere la mia prima volta devo dire che sono davvero molto soddisfatta visti i tanti fallimenti precedenti.

Ho perso il conto delle ricette provate e buttate al secchio, pur variando gli ingredienti il risultato era sempre uno, le barrette non legavano e quando arrivavano al taglio si sfaldavano, dovendo gettare via tutto perché inutilizzabili, il loro sapore non era buono in quanto si sentiva solo il forte sapore dell’avena.

Dopo l’ennesimo fallimento ho deciso di aumentare del doppio il miele utilizzato, non vi nascondo la mia perplessità, visto che tutti gli altri ne utilizzano meno, ma almeno le barrette stanno insieme …

Vi avviso, non risultano però croccanti come quelle in commercio, ma morbide, anche perché se le volete di una consistenza diversa, dovete usare allora riso soffiato o croccante, non certo fiocchi di avena … quando ho mangiato la prima, avvertendo questa consistenza strana ho temuto dover mettere una croce anche questa volta, invece man mano che la gustavo mi sono ricreduta ed è stato un attimo finirne tre di seguito!

Le rifarò a breve scalando il miele, ma già cosi sono davvero molto buone, l’importante appunto è usare prodotti ottimi e non industriali, rischiate di far cristallizzare le barrette per via delle porcherie che usano per raffinare l’oro prodotto delle api!
Questi dolcetti sono adatti agli sportivi, ma anche a chi vuole avere uno snack gustoso e pieno di energia, prepararli ai vostri bimbi da dare come spuntino non sarebbe affatto male, sarebbe molto più nutriente di una merendina.

Le calorie sono tante, vero, ma queste barrette sono nutrienti e a differenza di quelle industriali non hanno zuccheri nascosti, grassi aggiunti, altri ingredienti strani … sono uno snack energico di facile assimilazione, non abusatene, ma non demonizzatele nemmeno, come sempre occorre equilibrio e buon senso!

Ovviamente potete utilizzare altra frutta secca, bacche, gocce di cioccolato, l’importante è rimanere nella grammatura indicata, ossia 100 gr per 300 di fiocchi di avena.

 barrette3


Ingredienti:

  • 300 gr fiocchi di avena piccoli
  • 400 gr di ottimo miele
  • 100 gr di nocciole tostate tritate

Mi raccomando, che i fiocchi siano quelli piccini e non grandi! Detto ciò, portate il forno a 140°, mescolate l’avena con le nocciole, mettete a sciogliere il miele in un pentolino con acqua calda, immergete il vaso e fate iniziare a sciogliere il tutto.

Quando il miele sarà diventato liquido versatelo dentro un pentolino largo e capiente, mettete lo spargifiamma sul fornello e accendete il fuoco al minimo per far liquefare ancora di più il tutto, aggiungete i fiocchi, ma una manciata alla volta mescolando, facendo si che vengano omogeneamente ricoperti … ma mano, proseguire aggiungendo un pungo alla volta fino ad esaurimento del tutto.

Io ho usato un tegame dai bordi alti 25 x 20, cosi facendo ho ottenuto 17 barrette alte un dito … se volete più basse, dovete ovviamente cercarne uno di dimensioni più grandi, il consiglio che vi do, è comunque di usare una teglia in grado di contenere il blocco cosi quando andrete a pigiare per far amalgamare gli ingredienti, questo troverà un limite e non andrà a spasso in ogni dove.

Spennellate con olio di semi la carta forno, versate il composto e livellatelo in maniera omogenea con una spatola di silicone, pigiate e infornate per 20/25 minuti in modalità ventilata.

Trascorso questo tempo sfornate il blocco, fatelo stiepidire e sollevando grazie ai lembi della carta forno, mettetelo a raffreddare su una gratella per dolci, non tagliatelo mai quando è caldo o ancora tiepido.

Arrivati a questo punto avete le vostre barrette, dovete solo decidere la consistenza … io in parte le ho tenute cosi, altre le ho infornate per altri 12 minuti a 150° modalità ventilata per renderle più asciutte e consistenti (non serve oleare la carta da forno stavolta).

Le barrette vanno conservate nelle buste di plastica per alimenti, le trovate presso qualsiasi torrefazione, NON USATE QUELLE CHE UTILIZZATE PER CONGELARE, questi dolcetti temono l’aria e devono stare chiusi  in BUSTE IDONEE.

barrette2

facebook_account instagram_account

Fonte (source) – (go to source)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *