Usa: altro che dazi, la più grande sfida è il debito

Stampa / Print

 di Alessandra Caparello

Alert debito negli States. L’amministrazione Trump sta accumulando enormi livelli di debito, facendo lievitare gli oneri finanziari.

Sebbene la Casa Bianca abbia affermato che la crescita economica avrebbe compensato le riduzioni delle imposte e gli aumenti della spesa, i primi risultati non lo confermano. Altro che protezionismo o questioni geopolitiche: il  miglioramento dei livelli del debito pubblico si sta configurando come la più grande sfida economica per il presidente Donald Trump, un problema che potrebbe ripercuotersi sul mercato azionario.

“Stiamo plaudendo alla forte crescita – ma non abbiamo altra scelta che prendere in prestito la più grande quantità di denaro dalla crisi finanziaria di un decennio fa”.

Così ha detto in una nota Bernard Baumohl, economista capo di The Economic Outlook Group.

“E questo è solo l’inizio, gli Stati Uniti avranno un deficit a perdita d’occhio di trilioni di dollari “.

Il debito totale degli Stati Uniti ha appena superato la soglia dei 21,3 trilioni di dollari, di cui 15,6 trilioni di dollari sono dovuti dal settore pubblico. Nel breve periodo, la questione del debito sarà probabilmente sostituita da altre notizie, in particolare dalla forte esplosione della crescita e le battaglie tariffarie che gli Stati Uniti hanno lanciato contro i loro partner commerciali in tutto il mondo. Ironia della sorte, l’amministrazione Trump ha promesso che la performance economica straordinaria aiuterà a far fronte al crescente carico di debito causato dai tagli fiscali e dall’aumento della spesa, ma i primi risultati non sembrano confermare queste speranze.

“Il boom della crescita economica non è stato sufficiente ad abbassare il deficit di bilancio e infatti, il deficit e i prestiti del Tesoro sono nettamente più alti, e praticamente nessuno a Washington sembra preoccuparsene”.

Così  Greg Valliere, capo stratega globale di Horizon Investments. Il riferimento è al fatto che l’Ufficio del bilancio del Congresso prevede che il deficit sarà di poco inferiore a 1 000 miliardi di dollari nel 2019, per poi superare tale livello nel 2020 ed eclissare 1,5 trilioni di dollari entro il 2028. L’aumento del debito e la spinta sui tassi di interesse stanno arrivando mentre le aziende segnalano una crescita quasi record, con i profitti per le aziende dell’S&P 500 che seguono il 24 per cento in più anno rispetto all’anno precedente per il secondo trimestre del 2018.  Ma le imprese hanno anche più di 9 trilioni di dollari di debito in essere e così ad un certo punto, gli investitori lecitamente si chiederanno quando i costi di finanziamento più elevati cominceranno a ridurre la redditività.

Da: Wall street italia

 

 

Fonte (source) – Leggi tutto (go to source)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *