Una sinistra sospesa tra celodurismo e buonismo

Stampa / Print

 E’ veramente bizzarra questa sinistra italiana, che rivendica il merito di aver ridotto dell’80% gli sbarchi di immigrati, grazie a Minniti e s’ inalbera quando la nave Asso riporta in Libia un centinaio di profughi salvati dal naufragio. Prima sbandierano la loro capacità di fermare gli sbarchi e poi si arrabbiano con Salvini perchè prosegue la loro politica. Se erano per le porte aperte a tutti, per l’accoglienza senza limiti, potevano farlo, non c’erano impedimenti, in fondo sono stati al governo gli ultimi sette anni. Chi impediva loro, ad esempio, di abolire la Bossi-Fini o di approvare lo Ius Soli? Solo il loro paraculismo. Dicono che la Libia non è un porto sicuro, ma si sono vantati fino a ieri degli accordi con le tribù per trattenere i migranti ,o la Libia è sicura per chi viene trattenuto e non lo è più per chi si è imbarcato? La Libia non è sicura per nessuno, ma serve, saranno bastardi, ma sono I nostri bastardi e i primi ad assoldarli sono stati i governi del centro-sinistra, che ora accusano Salvini di voler riportare in Libia anche chi parte. Oppure poiché  non c’è emergenza, gli è venuta nostalgia degli sbarchi di massa degli anni precedenti? Fantastica questa narrazione sospesa tra celodurismo e buonismo, gli immigrati devono essere accolti tutti, come dice la Chiesa, ma anche fermati in Libia. Devono essere integrati, ma anche tenuti nei Cara, soprattutto se gestiti da amici degli amici come Alfano? Mi si nota di più se faccio il cattivo o il buono? Il brutto no, quello lo fa Salvini. Nei salotti buoni, il governo progressista viene rimpianto, vuoi mettere Gentiloni, un vero Conte, con un Conte taroccato, come l’attuale premier, che è come una borsa di Vuitton venduta da un immigrato clandestino. Gentiloni sì che aveva stile, un vero low profile, poi con ministri così discreti: Alfano, prima agli Interni, poi agli Esteri, nemmeno ti accorgevi che ci fosse. Neppure della Guidi si era accorto nessuno, fino all’incidente col compagno, in cui lo accusava di considerarla una sguattera del Guatemala, almeno il bon ton di considerarla filippina. Poi quel Lupi che si è subito dimesso per un Rolex regalato al figlio, veramente un signore, cosa si pretendeva, che ad un giovane laureato in ingegneria venisse regalato un Seiko? E la ministra Giannini, con che discrezione esercitava il suo ruolo, alla Pubblica Istruzione si sono accorti di lei, quando ha fatto vedere le tette sulla spiaggia di Capalbio. Vuoi mettere quella Madonna botticelliana della Madia, con una erinni, come la Lezzi? Per non parlare di quel Toninelli che si serve di un parrucchiere cinese! Ma il massimo della cafonaggine lo raggiunge Salvini, sempre lì a twittare, mentre il Marco  studiava in silenzio dossier sulla intelligence e finiva al massimo sulla rivista della polizia, non su Chi, abbracciato alla Isoardi, sicuramente una raccomandata, come tutti quelli del centrodestra. Una senza base culturale, a differenza di una Concita De Gregorio o di un Corrado Augias, che pur essendo in pensione da deputato e da giornalista, continua a  lavorare in televisione, perchè non trovano nessuno bravo come lui. E’ veramente bizzarra questa sinistra che non comprende come mai in un Paese senza vere emergenze, uno scafista della paura come Salvini abbia tanto successo.

Fonte (source) – Leggi tutto (go to source)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *