La Vitamina C in vena uccide le cellule cancerose

Stampa / Print

Se la usi per curare chiamala acido ascorbico 

Questa la scelta dei ricercatori del NIH
Intervista di Stefano Pravato al Prof. Levine del NIH

 

I ricercatori del prestigioso NIH americano hanno trovato una spiegazione razionale per alcuni dei risultati clinicamente accertati da medici quali Frederick R. Klenner (1907-1984) fin dagli anni ’40 del secolo scorso.

Nel titolo dell’importante articolo in questione, pubblicato nei Proceedings of the National Academy of Sciences, viene citato l’acido ascorbico. Il Prof. Levine, che guida la sezione di Nutrizione Clinica e Molecolare del NIH e che ha condotto la ricerca, ha gentilmente risposto a due nostre domande in merito.

 

Domanda:
Mr.Levine, abbiamo letto nelle news della Vostra ricerca e ne abbiamo letto l’abstract (http://www.pnas.org/cgi/content/abstract/102/38/13604)
Siamo molto interessati a sapere quale tipo di ascorbato abbiate usato – ipotizziamo ascorbato di sodio. Perché nel titolo è stato scritto acido ascorbico quando, forse, una espressione generica come “vitamina C” avrebbe potuto essere più esplicativa – come avete già fatto in passato?
Apprezzamenti vivissimi per il lavoro del suo team.

Risposta: 
Le allego l’articolo in modo che ne possa leggere i dettagli. Il pH dell’acido ascorbico è stato portato ad un valore 7 usando idrossido di sodio, pertanto era effettivamente presente sodio ascorbato. Abbiamo scelto di usare preferibilmente il termine acido ascorbico per indicare che le attività che abbiamo osservato non erano imputabili all’acido ascorbico (vitamina C) in quanto vitamina, ma in quanto farmaco. Abbiamo descritto un uso farmacologico e non nutrizionale e crediamo quindi che acido ascorbico sia il termine migliore.
Grazie per i gentili commenti

 

 

La Vitamina C in vena uccide le cellule cancerose

di Bill Sardi
traduzione da www.rense.com/general67/intra.htm a cura di Stefano Pravato

 

Il perossido d’idrogeno (acqua ossigenata) viene versato sulle ferite per uccidere i germi. I ricercatori hanno evidenziato che elevate dosi di vitamina C, se somministrata per via endovenosa, può elevare i livelli di perossido d’idrogeno (H2O2) all’interno delle cellule cancerose e ucciderle. La vitamina C endovena ha inoltre ucciso germi e può essere un’efficace terapia per malattie infettive.
Di fronte ad un crescente numero di evidenze sperimentali, i ricercatori del NIH (National Institutes of Health) ammettono oggi che la vitamina C endovena può essere un trattamento efficace per il cancro. L’anno scorso gli stessi ricercatori ottennero uno studio simile ma i media non ne diffusero notizia.
L’ultimo studio, pubblicato nei Proceedings of the National Academy of Sciences, conferma il lavoro del premio Nobel Linus Pauling che condusse ricerche sul cancro e la vitamina C negli anni ’70. Allora gli studi di Pauling vennero screditati da ricerche mal condotte nella Mayo Clinic.

A differenza degli altri farmaci, la vitamina C endovena uccide selettivamente le cellule cancerose e non quelle sane, oltre a non avere tossicità. La capacità della vitamina C endovena di uccidere cellule di linfoma giunge ad una rimarchevole percentuale di quasi il 100% a concentrazioni facilmente ottenibili nel siero sanguigno.
Per ragioni inesplicabili, i ricercatori del NIH continuano a sostenere che alte dosi di vitamina C orale producono un limitato aumento delle concentrazioni di vitamina C nel siero sanguigno. Ciononostante, il loro studio precedente del 2004 mostrava che la vitamina C per bocca può portare a concentrazioni nel sangue tre volte superiori a quanto ritenuto possibile fino ad allora. Un fatto, questo, che contraddice le attuali dosi RDA per la vitamina C. [Annals Internal Medicine 140:5337, 2004]
I ricercatori del NIH evitano di ritrattare la vecchia posizione secondo cui gli umani non possono beneficiare di alte dosi supplementari di vitamina C presa oralmente.
Il NIH non offre inoltre spiegazione del perché ci siano voluti 35 anni per confermare il lavoro di Linus Pauling.

 

 

 

Fonte 1

Fonte 2

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *