La rinascita della Grecia è una lezione per l’Italia – Francesco Cancellato

Stampa / Print

 C’è un Paese in cui la crescita del Pil, nel 2018, sfonderà il muro del 2%, arrivando al 2,3% nel 2019, doppiando quella prevista per l’Italia. In cui la disoccupazione, sempre nel 2019, scenderà sotto il muro del 20%. In cui il rapporto tra debito e Pil, sempre tra un anno e mezzo, supererà la soglia del 170%, arrivando al 168,3%, con un avanzo primario di bilancio del 4,5%.

Questo Paese è la Grecia, e nonostante sia la Cenerentola d’Europa che in ogni classifica ci permette di non dire che siamo i peggiori del continente, non possiamo che esserne felici. È l’OCSE a certificare in un suo report appena pubblicato, chel’economia di Atene “si sta riprendendo”, che gli sforzi mostruosi del popolo greco, dopo una crisi altrettanto mostruosa – e gestita malissimo dalle istituzioni internazionali – non sono stati vani.

Intendiamoci: sono ancora numeri terribili, quelli sul tavolo di Alexis Tsipras, numeri che probabilmente gli costeranno la rielezione, il prossimo anno, nonostante una lieve ripresa nei sondaggi degli ultimi mesi e una crescita del redivivo Pasok (oggi si chiama KA) che potrebbe far prefigurare a un’alleanza di sinistra in grado di sopravanzare Nea Demokratia alle elezioni previste nell’ottobre 2019. E ci sono ancora tante cose che non stanno migliorando, o che se stanno migliorando lo stanno facendo molto lentamente. Due su tutte: la produttività del lavoro, che continua a scendere, soprattutto a causa degli investimenti che stanno ripartendo troppo lentamente, appesantiti da una mole di crediti deteriorati che fa impallidire quelli italiani. E soprattutto la povertà assoluta e relativa della popolazione, soprattutto quella delle famiglie coi bambini, soprattutto quella infantile, che non trae beneficio da salari che si sono stabilizzati dopo il crollo, ma che crescono con lentezza pachidermica: il reddito pro capite, per dire, è ancora inferiore del 25% a quello pre-crisi.

Oggi a trainare è l’export, che cresce a ritmi del 5% annuo, ma entro il 2019 si prevede che anche la domanda interna crescere del 2,9%, così come la spesa pubblica, destinata ad espandersi dopo le drastiche spending review degli ultimi anni. La direzione è quella di un investimento sempre più massiccio nelle nuove generazioni e nella formazione del capitale umano, verso l’economia digitale

La fine del tunnel è lontanissima, insomma. Ma nei giorni il cui il crollo del Peso fa precipitare l’Argentina verso l’incubo di un nuovo default, il recupero greco appare sorprendentemente solido. I tassi d’interesse sui titoli di Stato a dieci anni, crollati dal 12% al 4% nel giro di soli due anni, sono un indizio pesante di questa nuova credibilità internazionale, figlia a sua volta del ritorno nel mercato internazionale dei titoli di debito, dopo tre anni in cui Atene non poteva nemmeno stare sull’uscio.

Oggi a trainare è l’export, che cresce a ritmi del 5% annuo, ma entro il 2019 si prevede che anche la domanda interna tornerà crescere del 2,9%, così come la spesa pubblica, destinata ad espandersi dopo le drastiche spending review degli ultimi anni. La direzione, spiega l’OCSE, non potrà che essere quella di un investimento sempre più massiccio nelle nuove generazioni e nella formazione del capitale umano – tutto, non solo quello giovanile – per avviare un reskilling della popolazione verso l’economia digitale, in grado di creare nuove specializzazioni che possono permettere la nascita di nuove imprese, l’aumento degli investimenti esteri, la formazione di nuovo capitale endogeno.

Austerità? Non solo: oggi, grazie al meccanismo europeo di stabilità, la Grecia non paga interessi sul suo debito. Quella greca non è solo una storia di austerità, ma anche e soprattutto una storia di solidarietà europea, perlomeno in quest’ultima fase. Senza Esm e senza la generosità dei contribuenti europei, quel che stiamo raccontando sarebbe semplicemente impossibile, soprattutto perché il rifinanziamento di un debito dell’entità pari a quella greca sarebbe impossibile. Prendere appunti, anti-europeisti.

Forse – anzi, sicuramente – è presto anche solo per sognare un miracolo greco. Ma fossimo in voi non scommetteremmo contro questa eventualità. Contemporaneamente, guarderemmo con molta attenzione a un Paese che si sta riguadagnando reputazione, credibilità e il diritto a sognare un futuro migliore. E prenderemmo appunti: perché non c’è scritto da nessuna parte che il destino delle nazioni è segnato per diritto divino, né che i declini sono inarrestabili, anche di fronti a crisi terribili. Tipo: se c’è speranza per la Grecia, perché il Mezzogiorno italiano dovrebbe essere spacciato?

Da: Linkiesta

 

Fonte (source) – Leggi tutto (go to source)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *