Recensione libro: L’anello mancante. Cinque indagini di Rocco Schiavone – Antonio Manzini

Stampa / Print

 “Non credo negli eroi senza macchia e senza paura. Credo nelle persone umane. Rocco Schiavone è un uomo e ha un’umanità molto forte, è empatico. Fa il poliziotto ma è cresciuto per strada, ha finito per fare la guardia mentre gli amici con cui giocava da ragazzino sono diventati ladri. Forse è rimasto un po’ ladro anche lui”.
Antonio Manzini

“Uno dei personaggi più riusciti del giallo italiano, pieno di difetti, quindi perfetto”.
Bruno Ventavoli, Tuttolibri – La Stampa

Ha scritto Antonio D’Orrico (il severo critico del Corriere della Sera) che Rocco Schiavone appartiene alla parte migliore degli italiani; anche se indurito dalla vita e incavolato con il mondo, possiede una umanità e una intelligenza delle cose che lo rende un eroe positivo. È vero, fuma spinelli, ha un concetto della giustizia tutto suo, conosce però il cuore degli uomini e sa sempre da che parte stare.

Manesco, ruvido, corrotto, scontroso, umorale, individualista, trasgressivo, tormentato, infedele; gli aggettivi si sprecano per definire il lato oscuro di Rocco Schiavone che non fa venir meno quello che di lui attrae e convince: l’insofferenza per la corruzione il perbenismo le diseguaglianze, il profondo senso di equità, la tenerezza, unite al grande talento per il suo mestiere.

Sin dal primo romanzo Pista nera ci siamo abituati a vederlo alle prese con il freddo e il ghiaccio sbattuto ad Aosta per punizione – e ormai i lettori più affezionati sanno perché -, con licenza di uccidere, di farsi le canne, di rubare, di sedurre. Lui romano dalla cima della testa alla punta dei piedi calzati nelle improbabili Clarks, si è ritrovato affondato nella neve, in un mondo chiuso, una zona di confine dalle molte identità dove solo il fantasma di Marina gli fa compagnia. Ma ora c’è Lupa accanto a lui e in commissariato hanno imparato a conoscerlo tutti, dal questore Costa, a Pierron, Deruta e D’Intino.

Queste cinque indagini, ambientate ad Aosta, sono apparse nelle antologie pubblicate dalla casa editrice: L’anello mancante da la crisi in giallo, Castore e Polluce da turisti in giallo, … e palla al centro da il calcio in giallo, Senza fermate intermedie da viaggiare in giallo, L’eremita da un anno in giallo. E oggi vengono raccolte insieme dopo la prima antologia, Cinque indagini romane per Rocco Schiavone, che è stata accolta con autentico entusiasmo, così come i film tv con il formidabile Marco Giallini hanno riscosso un enorme successo. A maggio saranno trasmessi i nuovi attesissimi episodi della serie e saranno riproposti tutti quelli della prima stagione.

Fonte (source) – Leggi tutto (go to source)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *