Commodities

Stampa / Print

 Le divergenti performance relative tra i vari comparti hanno mantenuto relativamente stabili i mercati delle materie prime anche nell’ultima settimana, nonostante l’elevata volatilità giornaliera ed intragiornaliera, guidati dalla retorica sulla politica commerciale tra USA e Cina, dal flusso dei dati macroeconomici e dal livello di propensione al rischio sui mercati degli asset rischiosi.

Il petrolio ha generalmente seguito al ribasso il mercato azionario USA, in assenza di notizie specifiche significative. I report settimanali USA sono stati contrastanti ed il petrolio americano non è stato colpito dai dazi cinesi di rappresaglia (al contrario dei prodotti petrolchimici). Il venir meno dell’accelerazione dell’economia globale crea rischi al ribasso per la domanda di greggio e per i prezzi, considerando anche l’elevato posizionamento rialzista degli speculatori sui futures, ma la possibilità che gli USA possano rinnegare l’accordo sul nucleare iraniano con una strategia negoziale simile a quella che stanno applicando alla Cina (prima le azioni dirompenti, poi i negoziati) è un chiaro rischio al rialzo per il petrolio, dal momento che la probabilità di scontri militari è molto più alta.

Stabile  l’oro,  risentendo  negativamente  della  maggiore  forza  del  US$; stabili anche i metalli industriali fino alla seduta di lunedì, quando le sanzioni USA sul maggior produttore russo di alluminio hanno determinato un’impennata delle quotazioni di questo metallo. Le commodities agricole sono state al centro dell’attenzione dopo che l’export agricolo USA verso la Cina è stato colpito dai dazi cinesi di rappresaglia, un evento ritenuto in precedenza a bassa probabilità alla luce della dipendenza della Cina dalle importazioni (soprattutto di soia USA). L’iniziale ribasso è stato però rapidamente riassorbito e sembra essere stato considerato un’occasione di acquisto, sull’aspettativa che l’entrata in vigore effettiva dei dazi è ancora subordinata a negoziati e con l’attenzione dei mercati tornata rapidamente sulle condizioni climatiche sfavorevoli.

 

Fonte (source) – Leggi tutto (go to source)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *