Commodities

Stampa / Print

 Le commodities sono rimaste generalmente deboli nell’ultima settimana, risentendo del rafforzamento del US$, legato al repricing della politica monetaria della Fed in senso più restrittivo, e delle prese di profitto sulle commodities agricole prima dei report del Dipartimento dell’Agricoltura sui raccolti e sulle intenzioni di semina. L’eccezione è stato il petrolio, che ha sovraperformato gli altri comparti, con il WTI che ha recuperato quota 62 US$/barile ed il Brent tornato oltre quota 65 US$/barile. I report settimanali USA non sono stati particolarmente costruttivi,  con  la  pausa  nella  produzione compensata dalla crescita delle scorte e dal rimbalzo del numero di nuovi impianti di trivellazione in attività. Finora la risposta dei produttori USA di shale oil è stata  in  linea  con  l’esperienza  storica,  per  cui  ci  si  può  aspettare  un ulteriore aumento dell’attività nelle prossime settimane, a dispetto dell’atteggiamento generalmente conservativo emerso dalle presentazioni dei management in occasione delle ultime trimestrali. Lo stesso OPEC ha riconosciuto il ritorno della produzione USA sul mercato, che aumenta tuttavia la probabilità che il rispetto degli accordi di taglio della produzione rimanga elevato con l’avvicinarsi del meeting di giugno. Se l’attività estrattiva americana è un rischio al ribasso per le quotazioni del greggio, la rimozione del Segretario di Stato USA Tillerson aumenta la probabilità che l’accordo sul nucleare iraniano possa essere rinnegato dagli Stati Uniti, mettendo  a  rischio  fino  a  1  milione  di  barili  al  giorno  di  produzione dell’Iran. Come conseguenza, se a breve termine le quotazioni del WTI sembrano convergere verso quota 60 US$/barile, lo scenario per il secondo semestre potrebbe essere più costruttivo del previsto.

Fonte (source) – Leggi tutto (go to source)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *