Borse alla prova della “croce della morte”. Tensioni per Facebook e Fed

Stampa / Print

 di Daniele Chicca

In attesa del rialzo dei tassi Usa, che salvo sorpresa si consumerà mercoledì, le Borse europee sono in calo, con tutte le piazze finanziare e i settori principali in rosso. La Federal Reserve dovrebbe alzare il costo del denaro all’1,75%, anche se gli ultimi dati sull’inflazione non danno per certi quattro strette monetarie quest’anno, almeno altri due rialzi dei tassi di interesse sono da mettere in conto. Anche Wall Street dovrebbe prendere la strada dei ribassi, con gli investitori americani che sono innervositi dagli ultimi tweet di Donald Trump. Durante il fine settimana il presidente Usa ha accusato il procuratore speciale Robert Mueller di assumere quasi esclusivamente politici Democratici della “linea dura” per indagare sui presunti legami tra lo staff della campagna presidenziale di Trump e la Russia, nell’ambito dell’inchiesta sul Russiagate. Mueller è un esponente dell’ala Repubblicana moderata ed è stato in passato nominato da governi presieduti da membri di entrambi gli spettri politici.

Trump ha anche smentito il fatto che l’ex vice direttore dell’FBI Andrew McCabe – licenziato venerdì scorso due giorni prima del raggiungimento della pensione – avesse in mano documenti scottanti che avrebbero potuto portare all’incriminazione del presidente. Dopo il licenziamento a sorpresa, alcuni media Usa hanno scritto che McCabe conservava dei file con gli appunti sulle discussioni avute con Trump, sulla falsa riga ai documenti che deteneva l’ex direttore dell’FBI James Comey, anche lui allontanato dall’amministrazione attuale. Intanto in Russia Vladimir Putin ha ottenuto una vittoria schiacciante alle elezioni presidenziali, guadagnandosi il quarto mandato da leader del paese. Tra gli altri mercati, l’euro si indebolisce sul dollaro, mentre il consiglio di stabilità finanziaria (FSB), che coordinata le norme in materia di controllo finanziario per i paesi del G20, ha respinto gli appelli dei governi per una regolamentazione delle criptovalute come il bitcoin.

Da: Wall Street journal

 

Fonte (source) – Leggi tutto (go to source)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *