Stampa / Print

É da due settimane che le borse ballano, e, sino ad ora, quelle che contano hanno perso più del 10%. Con uno schema abbastanza classico: aprono  in tentato recupero, poi arrivano gli States che le volgono in negativo e nella notte sono guai. Le peggiori sono le borse cinesi. Tutti gli esperti ci dicono: nervi saldi sono solo prese di beneficio. Sarà. Ma intanto nessuno ci spiega perché  proprio ora questa presa di beneficio, e poi chi è che prende? Questa seconda domanda è intrigante. Perché ormai la gente normale azioni ne ha pochine. Il patrimonio mobiliare delle famiglie è fatto di liquidi, obbligazioni, fondi e qualche  azione. Che siano queste poche di cui pochissime vendute a far tremare i mercati? Non ci crede nessuno. Allora chi, i fondi? Sarà, ma se li guardate vedrete che dopo una correzione sono calati. E allora neppure quelli. Almeno non quelli che ha in pancia la gente normale. Che puntualmente perde soldi. E difatti il sistema ce lo spiegano i nostri fondi, va giù la borsa, loro anche di una percentuale molto maggiore della loro quota azionaria,  perché di solito, il gestore vende poche azioni e si disfa di patrimoni, altri, in cui è in pari o in guadagno. E lo fa perchè i guru dicono nervi saldi. Poi, se e quando, la borsa risale il fondo risale molto più lentamente dell’indice. Per avere una performance decente il gestore ora converte liquidità in azionario, ma é tardi e magari si becca sui denti una nuova correzione che segue il rimbalzo. Quindi ancora una volta i gestori sono lenti e inopportuni (percentualmente, non tutti) per il mercato, ma noi continuiamo a pagare la loro incompetenza profumatamente . Questi signori hanno un altro difetto: si innamorano di quello di cui capiscono meno, nel caso specifico l’informatica e la matematica e fanno gestire i nostri soldi da complessi calcoli di acquisto o vendita che NON si basa sul mondo reale ma solo sui numeri. Al primo tentativo, non essendo stato messo un freno alle vendite, il mercato andava verso valore zero. Dissero: OK abbiamo sbagliato e corressero, meglio fecero correggere. Di queste correzioni, ce ne sono state molte, tutte dopo “prese di beneficio” e anche quella di queste due settimane pare una di queste, almeno a dare ascolto a tanti “sussurri” confinati a fondo pagina dei giornali finanziari. Sarà un caso, ma i fondi piccoli, gestiti ancora da uomini, si sono difesi meglio degli altri. Sarebbe il caso di chiederci allora chi governa i nostri soldi, e magari anche la nostra vita, visto che nel mondo attuale le due cose (soldi e vita )sono strettamente correlate.

Fonte (source) – Leggi tutto (go to source)

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.