Stampa / Print

 Una previsione va contro corrente sul futuro delle criptovalute. Jesse Powell, fondatore e CEO di Kraken, ha dichiarato martedì che il mercato delle criptovalute continuerà a vedere una “accelerazione” della crescita, nonostante il calo delle ultime settimane. Alla domanda se pensasse che la capitalizzazione di mercato di tutte le criptovalute avrebbe raggiunto i mille miliardi di dollari nel 2018, Powell ha risposto in modo positivo.

“Ora ci sono molti più giovani che si diplomano in programmi di crittografia nelle università, penso che il mercato da qui possa soltanto crescere in modo esponenziale”, ha detto Powell.

L’attuale capitalizzazione di mercato di tutte le criptovalute ammonta a circa 417 miliardi di dollari, secondo i dati del sito CoinMarketCap. Il valore delle valute digitali ha toccato il massimo storico di oltre 800 miliardi di dollari all’inizio di gennaio, prima di crollare in modo drammatico a causa dell’enorme svendita di Bitcoin e delle altre monete nelle ultime settimane.

Lunedì, le autorità di regolamentazione dell’Unione Europea hanno lanciato un avvertimento ai consumatori sui rischi associati all’acquisto di criptovalute. Gli entusiasti sembrano d’altra parte essere in gran parte positivi riguardo all’audizione negli Usa dei presidenti delle autorità Cftc Christopher Giancarlo e della Sec, Jay Clayton, davanti alla Commissione Banche del Senato degli Stati Uniti, in cui si è parlato anche della possibilità di introdurre un controllo a livello federale delle piattaforme.

Lon Wong, presidente della società NEM, si è aggiunto alle voci degli ottimisti. Wong ha detto martedì in un’intervista a Cnbc che la manipolazione dei prezzinello spazio criptovaluta è “inevitabile” ma che scomparirà una volta che il mercato sarà maturato.

Da: Wall street italia

 

 

Fonte (source) – Leggi tutto (go to source)

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.