Pollo impanato senza olio

Stampa / Print
Avete voglia di qualcosa di buono, saporito, ma anche facile e leggero? Ecco, il mio pollo impanato è perfetto! E’ fatto senza una singola goccia d’olio, così che la carne di pollo mantenga tutto il suo sapore e sia anche digeribile.
Sì, so a cosa state pensando. “Dove lo trovi un pollo che sappia ancora da qualcosa?”. Ed in effetti è vero, al supermercato si vedono certe carni grigiastre incolori-inodori-insapori…
Posso dirvi che l’origine fa la differenza. La grande distribuzione spesso non cura la qualità del prodotto e compra da chi offre un prezzo migliore. Io preferisco acquistare da piccoli produttori che mettono la salute degli animali e la qualità dei prodotti al primo posto! 
Quello che ho usato per questa ricetta è pollo allevato in libertà, 100% italiano. Lo trovate da Cibo et Vino Shop, azienda a cui sono legatissima sia per gli ottimi prodotti che per le persone che ci lavorano. La ricetta che trovate qui sotto deriva proprio da una, altrettanto semplice e buona, della mamma di Valeria. Ovviamente, chi mi conosce sa che non riesco a seguire alla lettera nemmeno le mie di ricette, potevo non variare un poco la sua? Ma quando mai!

Ingredienti:
– 60 gr di pangrattato
– 20 gr di formaggio stagionato (tipo Grana)
– 1 cucchiaio di prezzemolo
– 1 limone (succo)
– sale
  
Procedimento:
Fare il pollo impanato senza olio è facilissimo. Per prima cosa tagliate il petto di pollo a fette non troppo sottili. Poi bagnatelo con il succo di limone.
Preparate la panatura mescolando il pangrattato, il formaggio, il prezzemolo ed un pizzico di sale. Copritevi il pollo, premendo bene perché la panatura aderisca.
Scaldate una padella antiaderente e cuocetevi, senza olio, il pollo a fiamma media per 10 minuti. Dopo i primi cinque minuti ricordatevi di girare il pollo e rimuovere il coperchio.
Servite subito. 
Consigli:
Potete arricchire la vostra panatura con altre erbe, come il timo, o usare spezie quali la paprika dolce.  
Potete anche cuocere il pollo in forno: 10 minuti in forno già caldo a 200°C, girandolo a metà.

Fonte (source) – Leggi tutto (go to source)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *