Commento sui mercati valutari

Stampa / Print

 Cambio EUR/US$ in deciso rialzo a seguito della pubblicazione delle minute della BCE, considerate più hawkish delle attese, e delle indiscrezioni su un imminente accordo per la formazione di un Governo di grande coalizione in Germania. In Giappone, le dichiarazioni del Ministro delle finanze Taro Aso circa la volatilità dei mercati dei cambi hanno fermato il rafforzamento dello yen ed USD/JPY è rimbalzato verso area 111. In attesa del dato sull’inflazione di dicembre, lo zloty polacco perde contro l’euro. L’inflazione è attesa rallentare a  dicembre rafforzando la  linea  di  politica monetaria neutrale della Banca centrale polacca (che questo mese ha lasciato i tassi invariati al 1.5%), nonostante il contesto macro economico suggerisca che una politica monetaria più restrittiva potrebbe essere appropriata. Domani si riunisce la Banca centrale del Canada e le attese sono per un rialzo dei tassi. La Banca è attesa proseguire la stretta monetaria grazie al buon stato della sua economia. Sul fronte emergenti, la rupia indiana è in calo dopo il dato peggiore delle attese sulla bilancia commerciale di dicembre. La lira turca è in ribasso dopo le dichiarazioni di Erdogan contro gli Stati Uniti, accusati di fomentare il terrore in Siria. Le dichiarazioni di Erdogan rischiano di inasprire nuovamente le relazioni tra il Paese e gli Stati Uniti. Nel frattempo giovedì si riunisce la Banca centrale turca e sebbene le attese siano per tassi invariati, la Banca potrebbe rivedere, nonostante le interferenze politiche, al rialzo i tassi per favorire il rallentamento dell’inflazione. Giovedì si riunisce anche la Banca Centrale sudafricana e le attese sono per tassi invariati. Dopo il downgrade di S&P, continua la pressione sul real brasiliano e questa volta a causa della politica interna. Il processo d’appello del ex Presidente Lula, il cui inizio è in programma per il 24 del mese, rischia di aumentare la tensione politica nel Paese a causa delle sue eventuali conseguenze sulle prossime elezioni presidenziali.

Fonte (source) – Leggi tutto (go to source)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *