Stampa / Print
La trippa è uno degli ingredienti più poveri della tradizione culinaria italiana. Si ricava da varie parti dello stomaco bovino (non dell’intestino, come spesso si crede), e viene venduta principalmente già pulita e parzialmente lessata. Spesso viene tagliata a fette e cotta in rosso, con varie aggiunte. Questa ricetta, invece, la accosta ad una delle verdure più salutari della stagione fredda: il broccolo. La preparazione è facile, con pochi gusti decisi. Bisogna essere, ovviamente, amante degli ingredienti principali per apprezzarla: né la trippa né il broccolo possono essere “nascosti” o mascherati!



Ingredienti:

– 500 gr trippe bovine precotte
– 300 gr di broccoli lessi
– 75 ml di brodo di carne
– 1 carota
– mezza cipolla
– 2 chiodi di garofano
– 1 spicchio d’aglio
– mezzo bicchiere di latte
– un pizzico di peperoncino
– olio d’oliva qb

Procedimento:

Fate un soffritto con la cipolla e la carota sminuzzate a dadini regolari, con poco olio, in una pentola capiente. Aggiungete i chiodi di garofano e lo spicchio d’aglio. Tagliate finemente la trippa e cuocetela per un’ora a fuoco medio con tutto il brodo. 

Nell’intanto lessate i broccoli. Dividete i vari fiori, togliete i gambi più grossi e fibrosi, quindi lasciateli in acqua salata bollente per circa 5 minuti. Dopo l’ora di cottura delle trippe aggiungetevi il peperoncino, i broccoli ed il mezzo bicchiere di latte.

Proseguite per altri 40 minuti, sempre a fuoco medio e con il coperchio. Se dovesse servire, in qualsiasi momento, aggiungete ancora brodo per evitare che la carne bruci.


Quanto mancano 5 minuti al termine della cottura, salate.


Consigli:

Una volta tanto, vi invito a non modificare troppo la ricetta. Togliete il latte, se preferite gusti più slegati tra loro e un sugo meno cremoso. Sostituite il peperoncino con la paprika dolce. Ma non aggiungete altri aromi o sapori, il piatto è già completo così. Trust me.

Fonte (source) – Leggi tutto (go to source)

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.