Stampa / Print
Quello che ci fa fare il giornalista Piero Colaprico nel suo romanzo è un viaggio nel lato nascosto (ma nemmeno troppo) della criminalità in Brianza e nell’alto milanese.
Vi sarete chiesti, mi auguro, chi gestisce il traffico di prostitute che arrivano dai paesi africani e che vediamo girare poco vestite sulle strade provinciali, di notte.
Oppure in che modo, secondo quali giri, la droga
Fonte (source) – Leggi tutto (go to source)

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.