Un atto d’amore per la Sicilia – il finale de Il giorno della civetta

Stampa / Print
– Ho saputo una cosa, una cosa che
deve restare tra me e voi: mi raccomando .. Riguarda il povero
Laurana…- Era un cretino – disse don
Luigi.[A ciascuno il suo, Leonardo
Sciascia] 

Ma prima di arrivare a casa sapeva,
lucidamente, di amare la Sicilia: e che ci sarebbe tornato.«Mi
ci romperò la testa» disse a voce alta.[Il giorno della
civetta, Leonardo Sciascia]

Non
è stato tenero coi suoi
Fonte (source) – Leggi tutto (go to source)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *