Stampa / Print
Leggo e seguo Stefano da anni.
E quello che mi piace di lui è il suo essere “pirata” nel senso migliore del termine.
Un paio di anni fa ho deciso anch’io di lasciare la “marina militare” (la multinazionale in cui lavoravo) e lo stile di vita che ne conseguiva, per solcare i mari per conto mio.
Sia ben chiaro non sono un eroe: mi sono licenziato anche grazie ad un’eredità, ma mi sono preso la piena responsabilità di un cambiamento per nulla facile, perché non coinvolge solo aspetti economici…

[clicca sul titolo per leggere tutto il post]
Fonte (source) – Leggi tutto (go to source)

About the author

Related Post

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.