Stampa / Print

Con i primi caldi, è naturale aver voglia di mangiare piatti freddi e più leggeri: non per questo bisogna rinunciare alla golosità! 

Questo pane in due versioni, alle zucchine e alle carote appunto, lo rifarò spesso durante l’estate: è morbido, leggero, saporito, con una bella crosta croccante. Come molti pani di verdure, il pane alle zucchine e carote è perfetto con i salumi, con i formaggi, o anche per accompagnare insalate e bistecche. 
Potete quindi vederlo come un antipasto, per completare un piatto unico, o in sostituzione del classico pane bianco.

 
Ingredienti:

– 400 gr farina 00
– 250 gr di farina tipo Manitoba
– 80 ml di latte
– 10 gr di lievito di birra fresco
– 2 zucchine
– 3 carote
– 4 cucchiaini di olio d’oliva
– 2 cucchiaini di sale
– poco zucchero

Procedimento:
Per ognuno dei due pani si procede allo stesso modo. In una terrina unite 100 ml d’acqua tiepida con un pizzico (2 gr) di zucchero e 5 gr di lievito di birra fresco. Mescolate appena perché il lievito si sciolga, e lasciate a riposare qualche istante.
Nell’attesa pulite le verdure e tagliatele. Le zucchine affettatele con una mandolina per formare delle rondelle, quindi passatele appena al coltello. Devono restare a pezzi abbastanza grandi, come vedete nell’immagine, o si “perderanno” nel pane. Le carote invece rendono meglio a dadini.

Le verdure per i pani

Preparate le verdure, per ognuno dei due pani aggiungete, nell’ordine: 40 ml di latte, 2 cucchiaini di olio d’oliva, 200 gr di farina 00, 125 gr di farina tipo Manitoba, 1 cucchiaino di sale. Dopo aver messo i vari ingredienti nella terrina (fondamentale è che la farina stia tra il sale e l’acqua con il lievito), mescolate delicatamente. Meglio usare una forchetta o un cucchiaio in legno, senza passare subito alle mani.


Ottenuto un impasto abbastanza omogeneo, unite le verdure. A questo punto trasferite la pasta di pane sul piano di lavoro, e iniziate a lavorarla con le mani. Consiglio di tenere della farina a poca distanza, ma non dovrebbe servirvi. Non è necessario lavorare molto la pasta, è sufficiente ottenere un impasto umido, morbido e privo di grumi.
Facendo i due impasti in contemporanea, è davvero veloce. Non impiegherete più di una decina di minuti.

Lasciate riposare due ore gli impasti, coperti ed a temperatura ambiente. In estate nessun accorgimento particolare è necessario, in inverno meglio invece metterli nel forno con la sola luce accesa. Qualche grado in più farà bene al lievito.


Trascorse le due ore, dividete ogni impasto in parti di ugual grandezza (io ne ho ottenute sei da ciascuno). Stendete le palline con un mattarello, aiutandovi con della farina, fino a formare una striscia più larga in centro e più stretta alle estremità. Arrotolandola otterrete una perfetta forma di rosa.

Disponete le rose di pane negli stampi prescelti, mantenendo un poco di spazio per permettere loro di lievitare, e lasciate riposare ancora un’oretta e mezza. Cuocete in forno già caldo a 220°C per i primi 15 minuti, abbassando poi la temperatura a 200°C per altri 35. Soprattutto in caso di stampi grandi, consiglio, gli ultimi 15 minuti di cottura, di togliere il pane dallo stampo per permettergli di asciugarsi meglio. Maneggiatelo senza paura, avrà già una crosta croccante e non rovinerete la lievitazione.
Fate raffreddare completamente o quasi prima di servire.
Il pane alle zucchine

Consigli:

Con le dosi che vedete, oltre allo stampo da plumcake ho riempito una tortiera diametro 16, addentata prima ancora che io potessi fotografarla!
La scelta di tenere separate carote e zucchine non è casuale, in questo modo i sapori sono più vari. Se mangiate in compagnia, poi, ognuno può prendere il pane che più gli piace!

Il pane alle carote

Fonte (source) – Leggi tutto (go to source)

About the author

Related Post

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.