Stampa / Print
Incipit

«Io non ho tradito, io mi sento
tradito» sono le parole di un ragazzo, appena trentenne, che decide
di abbandonarsi al suicidio denunciando una condizione di precarietà,
un sentimento di estrema frustrazione. Non è l’urlo di chi si
ferma al primo ostacolo, di chi capricciosamente non vede
riconosciuta la propria ‘specialità’. È l’urlo di chi è
rimasto solo. Di precariato si
Fonte (source) – Leggi tutto (go to source)

About the author

Related Post

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.