Stampa / Print
Le avevo provate anni fa ma con scarsi risultati, la famigerata gobbetta non era venuta e di sapore non erano un granché,  così ho deciso di riprovarle cercando meglio la ricetta. Io cercavo quella delle classiche Madeleine,  al sapore di mandorla. Non è stata facile trovarla perché in giro se ne trovano di ogni genere, ma a me piace andare prima sul classico e poi sperimentare le varianti.
Così mi sono imbattuta nella ricetta di un Torsolo di mela, e ho deciso di provarla. A differenza della ricetta originale ho aumentato un po’ la farina e diminuito la quantità dell’aroma di mandorla.
Risultato buonissime e mi hanno ricordato molto il sapore di quelle che si comprano al supermercato, le rifarò presto perché sono andate a ruba!
Vi consiglio di  regalarle per la festa della mamma, magari confezionate in una bella scatola di latta dove è meglio conservarle, sempre se ne avanza qualcuna!
Auguri a tutte le mamme, la mia ha già degustato e le sono piaciute molto!




Ingredienti:
– 150 gr di farina
– 2 uova
– 100 gr di burro
– 75 gr di miele millefiori
– 30 gr di zucchero
– 1 cucchiaino scarso di lievito per dolci
– 1 pizzico di sale
–  una fialetta e mezza di aroma di mandorle amare

Procedimento: in un pentolino sciogliere il burro insieme al miele a fuoco basso, e mettere da parte a far raffreddare.
Nel frattempo in una ciotola sbattere con le fruste elettriche le uova e lo zucchero e il pizzico di sale in modo che diventino spumose. Aggiungere a filo il burro sciolto con il miele ormai raffreddato e continuare a mescolare sempre con le fruste elettriche. Incorporare poi con una spatola la farina setacciata con il lievito, mescolare bene finché il composto non risulti liscio, a questo punto unire l’aroma di mandorla amara e continuare a mescolare.
(Io ne ho messa una fialetta e mezza perché mi piace che il sapore  si senta bene, se volete un sapore meno deciso mettetene solo una)
Coprire la ciotola dell’impasto con della pellicola e metterla a riposare in frigo per almeno un ora.
Il riposo in frigo è molto importate, perché al momento della cottura il contrasto tra il freddo e il caldo darà modo di formare la famosa gobbetta tipica di questi deliziosi dolcetti.
Passato il tempo necessario del riposo in frigo preriscaldate il forno a 220° in modalità statica, imburrate e infarinate gli stampi e aiutandovi con un due cucchiaini disponete l’impasto nello stampo.
Io ho messo due cucchiaini di impasto perché la forma delle mie madeleine è di quelle grandi, regolatevi in base al vostro. Con questa dose e con i miei stampi ne sono uscite 24, se avete stampi più piccoli ne verranno sicuramente di più.
Cuocere per 5 minuti (non di più mi raccomando!!!) a 220° in modalità statica poi abbassate a 170/180° per altri 5 minuti, regolatevi in base al calore del vostro forno, quando vedete che il bordo diventa più scuro toglietele.
Se vi è avanzato l’impasto lasciatelo in frigorifero,  nel frattempo che le altre sono nel forno a cuocere, poi una volta sfornate procedete al cuocere le altre e ricordatevi di riposizionare la temperatura del forno a 220° per la seconda infornata.
Farle raffreddare e poi cospargerle se volete di zucchero a velo, e conservatele se ci riuscite a non mangiarle tutte in una scatola di latta.

Fonte (source) – Leggi tutto (go to source)

About the author

Related Post

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.