Stampa / Print

space astronauts  

La NASA vuole manipolare il DNA dei suoi astronauti diretti verso Marte, per proteggerli dalla radiazione cosmica che provoca cancro. La NASA sta pianificando di mandare la prima missione umana su Marte tra il 2030 e 2040, ma si trova davanti ad una serie di ostacoli.

Gli astronauti “di Marte” saranno esposti a particelle di alta energia e la NASA sta cercando i modi per riparare il danno che questo farebbe al loro DNA. Cio’ potrebbe significare anche alterare i geni degli astronauti e la loro attività genetica.

Quando gli esseri umani viaggiano per periodi prolungati oltre il campo magnetico della Terra, essi sono esposti a nuclei atomici carichi che possono muoversi rapidamente attraverso il DNA ed aumentare il rischio di cancro e demenza.

Secondo uno studio del 2014 (study) sui rischi delle radiazioni dello spazio, gli astronauti sarebbero esposti ai livelli della radiazione del raggio cosmico galattico che supererebbe il limite della loro vita in soli due anni. Gli astronauti diretti su Marte sarebbero esposti ad una radiazione simile per almeno questo tempo.

“Gli astronauti potrebbero avere una armatura o un campo di forza elettromagnetico a loro protezione, ma questo non è molto pratico”, ha detto al Times Douglas Terrier, il capo tecnologico della NASA.

“Stiamo osservando una serie di cose, da terapie medicinali, che sembrano essere molto promettenti, a cose piu’ estreme come una modifica epigenetica” ha detto Terrier (said).
“Io penso che questi avrebbero molte conseguenze etiche e quindi sono ancora nelle fasi di pensiero sperimentale”

>>> tutto l’articolo tradotto qui: http://www.thelivingspirits.net/dal-cosmo/la-nasa-sta-considerando-di-alterare-il-dna-degli-astronauti-per-la-missione-su-marte.html 
fonte originale:  https://www.rt.com/news/406123-nasa-mars-radiation-dna/
Fonte (source) – Leggi tutto (go to source)

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.