Stampa / Print
Jackfruit (Jako o giaca): La Il Jackfruit (talvolta riportato come jako o giaca) il cui nome scientifico è Artocarpus heterophyllus, è un frutto esotico dall’aspetto bizzarro, non molto conosciuto nei mercati europei.

È il più grande frutto da albero al mondo, potendo raggiungere anche il metro di lunghezza e il mezzo quintale di peso.

Il Jackfruit è ricco di acqua, carboidrati e proteine, possiede un buon quantitativo di vitamine con funzione antiossidante, mentre i sali minerali sono importanti per le ossa, contiene anche fibre. Ha un sapore tra ananas e mango e un retrogusto di vaniglia con un sentore tipicamente tropicale. Un frutto pesa sui 9/10 Kg.

Se il giaca viene fatto cuocere per oltre un’ora prende un gusto simile a quello della porchetta. L’unica controindicazione di questo alimento è che deve essere consumato in breve tempo, poiché tende a marcire molto velocemente.

È endemico dell’India e dei paesi limitrofi del Sud Est asiatico ed ha grandi difficoltà a crescere in paesi dove le temperature rasentano lo zero.

 

Calorie, valori nutrizionali e proprietà del jackfruit
Il jackfruit contiene 95 kcal ogni 100 g.

Inoltre, 100 g di prodotto contengono:

Grassi 0,6 g
Colesterolo 0 mg
Sodio 2 mg
Potassio 448 mg
Carboidrati 23 g
Zuccheri 19 g
Fibre 1,5 g
Proteine 1,7 g

È talvolta annoverato tra i “superalimenti”, vediamo perché. La polpa apporta una buona quantità di calorie ma è scarsa di grassi, inoltre ha proprietà antiossidanti derivati dalla vitamina C (100 grammi contengono circa un quarto della dose media giornaliera raccomandata) ed è ricca di vitamina B6, vitamina B1, che aiutano a dare vigore al sistema immunitario.

La fibra alimentare di cui è composto il frutto è lassativa e ha la capacità di proteggere il colon da alcune forme tumorali mentre i semi sono ricchissimi di proteine.

Riguardo ai minerali, è un’ottima fonte di potassio (importante per la pressione sanguigna), magnesio, ferro e calcio. Gli zuccheri e le calorie lo rendono un alimento energizzante, ideale per gli sportivi; e tutti i numerosi antiossidanti, flavonoidi, carotenoidi, aiutano la salute della vista e prevengono i danni provocati dai radicali liberi.

 

Come si mangia il jackfruit e come si cucina
I bulbi freschi o cotti del frutto maturo, i frutti giovani e acerbi cucinati, i semi bolliti o fritti… sono molte le possibilità che offre questo frutto. Nei paesi di origine i frutti maturi vengono tagliati in due e i bulbi vengono estratti e svuotati del seme per venire consumata o lavorata in cucina o essiccata o sciroppata.

I frutti acerbi e verdi, privi di polpa e semi e ricchissimi di fibra, sono cucinati come verdure. I semi vengono essiccati o usati freschi, spesso fritti o bolliti come fossero castagne.

 

 

Fonte

About the author

Related Post

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.