Stampa / Print
Nella “Teoria per l’unificazione della materia e della radiazione” è stata introdotta la possibilità che la materia possa convertirsi integralmente in energia. Più precisamente, che un protone e un elettrone possano degradare a radiazione elettromagnetica.
In sostanza è stato suggerito che possa avvenire una reazione sintetizzabile nei seguenti termini

p⁺ + e⁻ → n γ

Viene ora proposta una catena di passaggi che uniti assieme si semplificano nella reazione complessiva appena riportata.

Il primo stadio è costituito dal decadimento del protone p⁺ con formazione di un positrone β⁺ (antielettrone, elettrone con carica positiva) e di un mesone π⁰ (pione)

p⁺ → β⁺ + π⁰

Tale processo, pur non essendo ancora stato riscontrato sperimentalmente in laboratorio, è concesso e previsto dalle teorie attuali.
Il mesone π⁰ è instabile e può decadere in due modi: formando due fotoni γ oppure dando origine a un positrone β⁺, un elettrone e⁻ e un fotone γ.

π⁰ → 2 γ
π⁰ → β⁺ + e⁻ + γ

L’ultimo processo che completa la dematerializzazione è quello di annichilazione elettronica con formazione di due fotoni γ

β⁺ + e⁻ → 2 γ

L’immagine seguente illustra graficamente i processi elencati.

Letture consigliate
https://it.wikipedia.org/wiki/Decadimento_del_protone
https://it.wikipedia.org/wiki/Numero_B-L
https://it.wikipedia.org/wiki/Pione

About the author

Related Post

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.