SALUTE. Codacons su Consiglio di Stato multa Bioscalin

Stampa / Print
Risultati immagini per PERDITA DI CAPELLI
SALUTE: CONSIGLIO DI STATO BOCCIA PUBBLICITA’ PRODOTTI CONTRO CADUTA DI CAPELLI. CONFERMATA MULTA PER BIOSCALIN

INGANNEVOLE LA PROMESSA DI RISOLVERE I PROBLEMI DI CALVIZIE. LA SOCIETA’ GIULIANI DOVRA’ PAGARE SANZIONE DA 130MILA EURO. 

PER GIUDICI GLI UTENTI CHE SOFFRONO DI PERDITA DI CAPELLI SONO “CONSUMATORI VULNERABILI”
Nuova vittoria del Codacons in tema di pubblicità ingannevole. Il Consiglio di Stato, infatti, ha confermato la multa inflitta dall’Antitrust, a seguito di esposto presentato dall’associazione dei consumatori, nei confronti della nota società Giuliani Spa.

La vicenda – ricorda il Codacons – nasce nel 2009, quando presentammo un esposto all’Autorità per la concorrenza denunciando il prodotto “Bioscalin con biogenina” che, nelle varie pubblicità, veniva presentato come soluzione al problema della perdita dei capelli negli uomini.

L’Antitrust sanzionò la scorrettezza della pratica commerciale posta dalla GIULIANI SPA, ritenendo i messaggi ingannevoli in quanto idonei, per le loro concrete modalità grafiche e di rappresentazione, ad indurre nei consumatori la convinzione ‒ non rispondente a verità ‒ che il prodotto fosse efficace per risolvere qualsiasi patologia connessa con la caduta definitiva dei capelli, tra cui la calvizie, laddove invece il prodotto aveva efficacia circoscritta ai soggetti affetti perdita temporanea ed eccessiva di capelli (c.d. «Defluvium telogenico»).

L’azienda fece ricorso al Tar del Lazio, ottenendo però solo la riduzione della sanzione da 150.000 a 130.000 euro, e poi appello al  Consiglio di Stato, nel quale è intervenuto il Codacons chiedendo di rigettare le tesi della Giuliani Spa.

La VI sez. del CdS (Pres. Sergio Santoro, Rel. Dario Simeoli) ha dato ragione all’associazione, con una sentenza in cui conferma la sanzione da 130.000 euro, ritenendo che “la campagna pubblicitaria sanzionata presentava in modo ambiguo informazioni «rilevanti», relative alle caratteristiche principali del prodotto, in quanto non rendeva sufficientemente chiaro che i risultati con esso conseguibili non erano riconducibili alla generalità dei destinatari affetti da ogni forma di alopecia, bensì soltanto a quanti soffrivano di «Defluvium Telegenico» […]
Non solo. Con una innovativa decisione i giudici hanno stabilito che gli utenti che presentano problemi di capelli sono “consumatori vulnerabili”. 

Scrive in proposito il CdS:
“si deve osservare che il tipo di risultato ottenibile da un prodotto per capelli ‒ prospettato nella specie come avente il potere di arrestare la calvizia ‒ è in linea di principio un elemento determinante nella mente del consumatore medio nel momento in cui egli deve prendere una decisione di natura commerciale, ancor di più se si considera la particolare vulnerabilità dei consumatori afflitti da un disagio derivante dal problema estetico connesso alla perdita dei capelli”.


Fonte(source) —LEGGI TUTTO(read more)—

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *