Stampa / Print

Ingredienti Sughi d’uva o Budino di mosto:

  • 1 litro di mosto di vino (preferibilmente rosso e dolce),
  • 1 ettogrammo di farina tipo 0,
  • 1 cucchiaio di zucchero (da dosare a seconda della dolcezza del mosto)
Preparazione Sughi d’uva o Budino di mosto:

La preparazione del budino di mosto cotto, chiamato tradizionalmente anche sugo d’uva, è molto semplice.

Metti in una pentola il mosto d’uva e trasferiscilo sul fuoco, portalo ad ebollizione e lascialo bollire per 5-10 minuti rimuovendo man mano la schiuma che si presenta in superficie. Una volta rimossa tutta la schiuma che si e’ formata, spegni il fuoco e lascia raffreddare.

Una volta raffreddato il mosto, assaggiarlo per valutare se necessario aggiungere zucchero per raggiungere la dolcezza richiesta.

Amalgama la farina (precedentemente setacciata) in un contenitore con un pò di mosto. Aggiungi un pò di mosto pian piano fino a creare un composto molto fluido.

A questo punto è necessario passare in un colino questo composto per eliminare eventuali grumi.

Mettere il composto in una pentola portando ad ebollizione, mescolando continuamente (così come se stessimo facendo un budino di cioccolato).

Lasciare cuocere ancora per 5/6 minuti, avendo cura di mescolare continuamente affinché il composto non bruci e non si attacchi ai bordi della pentola.

Trascorso questo tempo, trasferisci il tutto in un contenitore (o in tante ciotole monoporzione) e lascia raffreddare fino a quando il composto non si sarà solidificato.

Servire il budino di mosto (o sugo d’uva) freddo o a temperatura ambiente.

Si può conservare in frigorifero per diversi giorni.

Il budino d’uva si prepara tradizionalmente con il mosto dell’uva nera (tipicamente in Emilia con l’uva Lancellotta) ma si può fare anche col mosto di uva bianca, purchè sia dolce.

 

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.