Stampa / Print
L’uragano ha causato la morte di almeno tre persone, mentre le autorità dello stato hanno diramato l’allarme per la formazione di tornado e trombe marine nelle aree costiere

Oltre un milione di persone sono rimaste senza elettricità in Florida a causa dell’uragano Irma.

L’occhio dell’uragano Irma ha colpito le coste delle isole Keys, in Florida, con forti venti e pioggia, causando la morte di tre persone e lasciando senza elettricità oltre un milione di abitanti.

Più di cinque milioni di residenti dell’intero stato hanno ricevuto l’ordine di evacuazione. Le autorità hanno segnalato il rischio di formazione di tornado e trombe d’acqua a causa dell’arrivo dell’uragano.

Il centro del ciclone si trova ormai a soli 25 chilometri dal capoluogo dell’arcipelago Key West. Secondo i meteorologi, quando ha colpito le coste la tempesta aveva la potenza di un uragano di categoria 4.

Il Centro di controllo uragani statunitense ha fatto sapere che Irma si muove a una velocità di quasi 13 chilometri orari.

Almeno 22 persone nei Caraibi sono decedute a causa di Irma, che ha devastato diverse isole nell’arcipelago centro-americano.

L’agenzia federale statunitense Noaa che si occupa del monitoraggio di questi eventi atmosferici prevede che la tempesta devasterà l’intero stato nelle prossime 36 ore, fino a raggiungere le zone interne degli stati orientali degli Stati Uniti.

I venti estremi e le piogge portati dall’uragano mettono a rischio anche la barriera corallina al largo dell’arcipelago.

Le autorità si aspettano infatti onde alte più di quattro metri, che potrebbero devastare gli isolotti che si trovano a pelo d’acqua tutt’intorno alle isole.

Fonte: The Post Internazionale
Fonte(source) —LEGGI TUTTO(read more)—

About the author

Related Post

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.