Stampa / Print
Elemento importante lo zolfo conserva il tono muscolare, purifica e disintossica l’organismo da agenti esterni, cura la pelle e migliora i disturbi cardio-circolatori.

Lo zolfo è un minerale presente in ogni cellula del nostro corpo ed è indispensabile per la vita cellulare.
Allo stato libero è solido, con simbolo S, di colore giallo e nella tavola periodica degli elementi fa parte del VI gruppo. Si trova in quasi tutti gli organismi viventi; nelle regioni vulcaniche spesso è in combinazione con solfati, solfuri, petrolio e carbon fossile. Nell’uomo lo zolfo si trova sotto forma di solfati organici e sali.
Perche’ e’ importante?
Lo zolfo è un elemento importante in quanto conserva il tono muscolare, purifica e disintossica l’organismo da agenti esterni o accumulati in esso, cura la pelle donando brillantezza e migliora i disturbi cardio-circolatori.
Per il nostro organismo lo zolfo rappresenta il quarto minerale indispensabile per la vita: infatti esso ha un ruolo strutturale nella sintesi proteica di aminoacidi solfonati (metionina, cisteina, taurina e cistina), ormoni (insulina, ossitocina, vasopressina), Vitamine (E, B, C), enzimi e coenzimi. Rappresenta la 0,25% del peso corporeo umano ed è coinvolto nei processi metabolici di proteine, carboidrati e lipidi. E’ il principale componente dei glucosamminoglicani e di altri del tessuto osseo. Questi componenti formano una specie di gel protettivo che funziona da matrice per tendini, legamenti, ossa e pelle. Grazie alla presenza dello zolfo, si ha una maggiore potenza e tonificazione in quanto da elasticità all’apparato scheletrico. Infatti, la fluidità delle articolazioni dipende dalla quantità di zolfo che è presente e che si introduce tramite la dieta.
Lo zolfo infine, rappresenta un valido elemento di bellezza specie per icapelli in quanto è capace di renderli lucidi e morbidi grazie alla presenza di cheratina composta da zolfo; sulla pelle rappresenta una difesa per i batteri, attiva potenti antiradicali come il glutatione. Lo zolfo è raccomandato in caso di problemi cutanei come l’acne, alopecia, seborrea, perdita di capelli, psoriasi, per problemi dell’apparato respiratorio. La carenza di zolfo si manifesta con fragilità di unghie e capelli, problemi di pelle come acne, foruncoli, alopecia. Inoltre una carenza di zolfo può rallentare il metabolismo epatobiliare con accumulo di acidi urici e metalli pesanti.
I derivati dello zolfo
Lo zolfo è il costituente principale di due proteine: la metionina e lacisteina. La prima aiuta a smaltire le sostanze tossiche ed è coinvolta nella sintesi di sostanze che aiutano il fegato a metabolizzare i lipidi. Rappresenta un “donatore di zolfo” per le cellule del corpo regolandone tutti i processi cellulari. La cisteina invece si trova in grande quantità nello strato esterno della cuticola del pelo, infatti è importante nel processo di cheratinizzazione. Favorisce inoltre una rapida guarigione da operazioni chirurgiche e da bruciature.
Uso cosmetico dello zolfo
L’uso cosmetico dello zolfo trova impiego come saponi per corpo e viso per pelli acneiche e problematiche; da non utilizzare più di due volte al giorno per evitare irritazioni ed eccessiva secchezza della pelle. Può essere preparato comodamente a casa acquistando lo zolfo in polvere; è importante seguire le normali regole di preparazione dei saponi e avendo cura a maneggiare la soda caustica.
Mara Alvaro
Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento.
Le informazioni diffuse dal sito non intendono e non devono sostituirsi alle opinioni e alle indicazioni dei professionisti della salute che hanno in cura il lettore, l’articolo è solo a scopo informativo.


Fonte(source) —LEGGI TUTTO(read more)—

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.