Stampa / Print
Il testo passerà ora alla Camera per l’approvazione definitiva. Tra le misure il rafforzamento dell’agenzia per i beni confiscati alla criminalità organizzata

Il Senato ha approvato giovedì 6 luglio la riforma del codice antimafia con 129 sì, 56 no e 30 astenuti. Il testo, che era rimasto a lungo bloccato in commissione al Senato, torna ora alla Camera che lo esaminerà nuovamente.

Il ministro della giustizia Andrea Orlando ha espresso soddisfazione per l’approvazione di un disegno di legge che ha avuto una gestazione lunghissima ma che, se approvato, rafforzerà l’efficienza dell’agenzia per i beni confiscati, offrirà “nuovi strumenti per il contrasto alla criminalità organizzata” e introdurrà “elementi anche di forte trasparenza nella gestione dei beni”.

Orlando ha detto che ritiene ci siano le condizioni per giungere all’approvazione definitiva del testo.

Fonte: The Post Internazionale
Fonte(source) —LEGGI TUTTO(read more)—

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.