Stampa / Print

ALLENARE LA MENTE SAGGIAMENTE


L’importanza dell’allenamento cognitivo over 65

Mercoledì 17 maggio, ore 16.30
presso l’Ordine dei Medici e Odontoiatri di Como – Via Masia 30

interverrà la psicoterapeuta Alessandra Riva

 

Mercoledì 17 maggio alle 16.30, presso la sede dell’Ordine dei Medici di Como, si terrà l’incontro “Alleniamo la mente saggiamente. L’importanza dell’allenamento cognitivo over 65” organizzato dalla sezione di Como dell’Associazione Mogli Medici Italiani (AMMI).

Interverrà la psicoterapeuta Alessandra Riva.

L’invecchiamento comporta un progressivo cambiamento di alcuni aspetti quali memoria, attenzione, concentrazione, linguaggio: si osserva spesso che l’anziano è in grado di produrre strategie ma ha maggiore difficoltà a usarle correttamente.

A tale proposito, per recuperare e potenziare alcune funzioni cognitive anche in età avanzata, viene in aiuto il training di allenamento cognitivo, una serie di attività mirate a mantenere attivi i processi cognitivi e a stimolare le funzioni neuropsicologiche e cognitive dell’anziano attraverso stimoli, esercizi e attività varie favorendo al contempo la socializzazione e l’integrazione in un ambiente ludico e divertente.

Sollecitare le abilità cognitive come memoria, attenzione, ragionamento, orientamento spaziale e temporale e il linguaggio risulta utile, infatti, a contrastare i primi declini dovuti al passare del tempo. Gli esercizi e le attività di allenamento cognitivo sono appositamente studiati al fine di stimolare prevalentemente ogni specifica abilità cognitiva e al tempo stesso di stimolare tutta una serie di altre funzioni cognitive e sensoriali associate. 

L’incontro è gratuito e aperto a tutti.

 

Per informazioni:

Rosanna Scaravelli – 338 3287517


www.CorrieredelWeb.it

Fonte(source) —LEGGI TUTTO(read more)—

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.