Stampa / Print
In un rapporto dell’agenzia di stampa Kcna si fa riferimento alla collaborazione tra servizi statunitensi e sudcoreani per un attacco bio-chimico contro il leader

Nell’attacco sarebbe coinvolto anche un cittadino nordcoreano. Credits: Reuters

La Corea del Nord ha accusato gli Stati Uniti e la Corea del Sud di aver organizzato un complotto per assassinare Kim Jong-un utilizzando una sostanza bio-chimica. L’agenzia di stampa dello stato ha riferito della collaborazione tra un gruppo terroristico e i servizi segreti dei due paesi per realizzare un attacco esplosivo contro il leader supremo.

Le accusa sono contenute in un rapporto di 1.800 parole che l’agenzia Kcna ha pubblicato il 5 maggio. Nel documento si fa riferimento al coinvolgimento di un cittadino nordcoreano nell’utilizzo di una sostanza radioattiva per attaccare Kim Jong-un. I servizi statunitensi e sudcoreani avrebbero il ruolo di fornire finanziamenti per la realizzazione dell’attentato.

Una vicenda simile, ma a parti inverse, si era verificata il 13 febbraio all’aeroporto di Kuala Lumpur. Kim Jong-nam, il fratellastro del leader nordcoreano era stato vittima di un attacco con il gas nervino. Le autorità sud-coreane avevano accusato Pyongyang di aver organizzato l’omicidio.

Fonte: The Post Internazionale
Fonte(source) —LEGGI TUTTO(read more)—

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.