Stampa / Print
Il voto per la riforma della sanità segna la più importante vittoria legislativa per Trump. Ora il provvedimento passa al Senato, dove non è scontata la sua approvazione

Il voto arrivato giovedì 4 maggio rappresenta una importante vittoria anche per lo speaker della Camera, Paul Ryan

La Camera statunitense ha approvato con poco margine la legge che abroga alcune parti rilevanti dell’Obamacare. Le norme verranno rimpiazzate con un piano sulla salute progettato dai repubblicani, segnando così la più importante vittoria legislativa per il presidente Donald Trump.

Il provvedimento è passato con 217 voti a favore e 213 contrari, quanto basta per far passare la legge all’esame del Senato. Nessun esponente democratico ha votato a favore della nuova legge.

Più duro sarà il percorso del provvedimento al Senato, dove sembra essere più difficile trovare il supporto di tutti i repubblicani.

Il voto arrivato giovedì 4 maggio rappresenta una importante vittoria anche per lo speaker della Camera, Paul Ryan, riuscito nell’intento di rimettere insieme le varie anime repubblicane sulla questione, dopo due tentativi precedentemente falliti.

Circa 20 milioni di statunitensi hanno usufruito della copertura offerta dall’Obamacare dal 2010 e secondo i sondaggi la misura godeva di largo consenso nell’opinione pubblica. Ma i repubblicani l’hanno spesso attaccata.

Il provvedimento passato oggi alla Camera, conosciuto formalmente come American Health Care Act, mira ad abrogare gran parte delle tasse previste dall’Obamacare. Prevede il taglio del Medicaid, il programma che fornisce l’assicurazione sanitaria per i più poveri.

Fonte: The Post Internazionale
Fonte(source) —LEGGI TUTTO(read more)—

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.