Stampa / Print
Golfo di Manfredonia (maggio 2017): ordigno speciale USA – foto MC (tutti i diritti riservati)

di Letizia Ricci

L’inchiesta di Gianni Lannes, avviata a metà degli anni ’90, inizialmente pubblicata dal settimanale Avvenimenti, poi dal settimanale Diario della settimana (direttore Enrico Deaglio) infine dal settimanale Left, ha accertato in base a fonti documentali ufficiali di Washington e Londra (top secret), e riscontri diretti subacquei, la presenza sui fondali del Golfo di Manfredonia di una discarica bellica segreta. Essa contiene un milione di ordigni caricati con aggressivi chimici, come ad esempio iprite e fosforo. Non è tutto. Durante la guerra d’aggressione NATO alla Jugoslavia, i cacciabombardieri alleati hanno disseminato di bombe radioattive l’Adriatico da Grado ad Otranto, e non vi è stata alcuna bonifica. A fine agosto sarà pubblicato il prossimo libro di Gianni Lannes, intitolato BOMBE A…MARE! Ecco di seguito alcune pagine pubblicate nel 1999 e 2000 dal quotidiano Liberazione, sull’inquietante fenomeno.

Fonte(source) —LEGGI TUTTO(read more)—

About the author

Related Post

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.