Stampa / Print
Osterfestival, il Festival di Pasqua tra musica, danza, cinema e teatro.
Pacchetto Pasqua a Innsbruck: 2 notti a partire da 159 euro a persona.
Innsbruck si presenta a Pasqua nella sua veste più bella. Il cielo azzurro, l’aria tersa, le cime delle montagne che la circondano ancora innevate, con il sole primaverile che invita a sedersi all’aperto nei tipici cafè, avvolti da morbide e calde coperte. 
Ciclisti e runners percorrono la Innpromenade con entusiasmo, mentre gli appassionati di sport invernali guardano al vicino comprensorio di Kuhtai per le ultime sciate dell’anno
La primavera a Innsbruck accompagna poi una delle feste più amate, la Pasqua, che trasforma la città con un mercatino colorato, tanti appuntamenti legati alla tradizione tirolese e un calendario di eventi culturali molto intenso.
Innsbruck si presenta a Pasqua nella sua veste più bella. Il cielo azzurro, l’aria tersa, le cime delle montagne che la circondano ancora innevate, con il sole primaverile che invita a sedersi all’aperto nei tipici cafè, avvolti da morbide e calde coperte. 
Ciclisti e runners percorrono la Innpromenade con entusiasmo, mentre gli appassionati di sport invernali guardano al vicino comprensorio di Kuhtai per le ultime sciate dell’anno
La primavera a Innsbruck accompagna poi una delle feste più amate, la Pasqua, che trasforma la città con un mercatino colorato, tanti appuntamenti legati alla tradizione tirolese e un calendario di eventi culturali molto intenso.
Tutti a caccia delle uova pasquali!
Tulipani e narcisi nei giardini, margheritine e primule nei prati annunciano l’arrivo della primavera e della Pasqua. Dal 6 al 17 aprile 2017, all’ombra del famoso Tettuccio d’Oro, si tiene il tradizionale Mercatino di Pasqua: oltre 30 bancarelle riempiono la piazza, proponendo decorazioni particolari, oggetti di artigianato artistico e golose delizie tirolesi. 
La città è colorata da curiose e sgargianti uova di Pasqua giganti, mentre bande musicali e tradizionali gruppi in costume trasportano gli ospiti del mercatino in una vivace atmosfera pasquale e li coinvolgono in prima persona nelle suggestive tradizioni locali: il Grasausläuten, festose passeggiate al suono di campane e campanelle, le avvincenti esibizioni degli schioccatori di frusta dette Aperschnalzen per scacciare l’inverno o la consueta attività di intrecciare le palme pasquali
I piccoli ospiti del mercatino potranno invece dedicarsi alla Caccia ai cestini di uova pasquali, che da sempre coinvolge tutti i bimbi in una ricerca avvincente e scherzosa. 
Sempre ai bambini è dedicato il laboratorio di bricolage Ernis Bastelecke, dove potranno provare a costruire da soli simpatici personaggi e allegre decorazioni pasquali e primaverili.
Presepi in miniatura, sepolcri pasquali e palme intrecciate

Tradizioni e consuetudini caratterizzano la Pasqua anche dei Villaggi d’incanto che circondano la Capitale delle Tirolo .  

 

Piccoli presepi impreziosiscono ogni anno le chiese e le cappelle, mentre capolavori artigianali dell’arte popolare tirolese mostrano scene bibliche della Pasqua. 

 

Le secolari opere sono esposte solo durante la Quaresima, i 40 giorni che precedono la Pasqua, a Götzens, Axams, Zirl e a Telfs. 

 

Una tradizione particolarmente attiva nelle cittadine di Axams, Igls, Patsch, Natters, Mutters, Götzens, Birgitz, Kematen e Oberperfuss è quella dei Sepolcri pasquali: nicchie di luce e colori dallo sfondo barocco create appositamente per questo periodo all’interno delle chiese tirolesi che creano un’atmosfera quasi mistica. 

 

Una giornata particolarmente ricca di tradizioni è la domenica delle Palme: si ricorda l’ingresso di Gesù a Gerusalemme e gli uomini osannano il Cristo con rami di palma. 
Le palme non crescono nelle Alpi e quindi vengono create composizioni alte anche più di un metro con piante alpine, come la palma del gattino, l’erika e il ginepro, ornate di nastri colorati che vengono portate in processione, con orgoglio, come gioielli, verso la chiesa dai bambini. Questa tradizionale processione si tiene a Mutters, Natters e in Obsteig sull’altopiano.

 

Gebildbrote e Forchaz: il pane della Pasqua

Non si può immaginare la Pasqua senza le tradizionali uova colorate. Soprattutto a Innsbrcuk, dove vengono accompagnate da tanti tipi di panificazioni particolari e gustose, che rendono il brunch pasquale molto speciale. 

 

La domenica delle Palme i bambini sono impegnati a creare con la pasta di pane conigli, galline o salatini pasquali: è il Gebildbrote, pasta lievitata a cui vengono date forme particolari in occasione della Pasqua. 

 

Un’altra antica ricetta del pane di Pasqua è la Forchaz o Fochatz (dal latino focus, fuoco). In origine l’impasto veniva cotto sotto la cenere, per ottenere una morbida focaccia. 

 

Ai giorni nostri invece, gli esperti panificatori aggiungono a questo impasto un po’ di anice, per dare un gusto speciale a questo pane tradizionale della Pasqua, che si trova in tutti i panifici e pasticcerie della città, ma attenzione perché è molto richiesto e va prenotato in anticipo!

Osterfestival

La Pasqua in Tirolo è Osterfestival. Un appuntamento di musica, danza, cinema e teatro, dal 31 marzo al 16 aprile 2017, che quest’anno è dedicato ai continui cambiamenti del nostro tempo, con riferimento alle crisi internazionali. 
La celebrazione della Pasqua si riflette soprattutto nelle esibizioni musicali come la Passione di San Marco di Telemann e la Passione di San Giovanni di Scarlatti.

Pasqua a Innsbruck

Per tutto il periodo del mercatino è possibile approfittare del pacchetto Pasqua a Innsbruck, a partire da 159 euro a persona

 

Comprende: due pernottamenti con colazione, caffé e torta per una gustosa merenda all’Alpenlounge sulla Seegrube a 2.000 metri, Innsbruck card per 48 ore.

Info:Innsbruck Tourismus, tel. +43 51259850; www.innsbruck.info; office@innsbruck.info.


Fonte(source) —LEGGI TUTTO(read more)—

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.