Stampa / Print
 Rodi Garganico – foto Gianni Lannes (tutti i diritti riservati)



 di Gianni Lannes

E’ il passaggio cruciale per spezzare le catene. Se c’è qualcosa di nobile e di notevole nella creatura umana o nelle rare minoranze attive, coincide con la sua attività critica, con l’abito della non accettazione di verità preconfezionate, con la ribellione alle istituzioni e alle ideologie, con una mentalità antagonista contro un universo mediatico e consumistico decisamente vocato alla stupidità di massa.
La gigantesca macchina del consumo-consenso è pienamente attiva nell’intimità delle coscienze annullandone capacità di reazione e di iniziativa davvero alternative. Sopravviviamo in un mondo dominato dalla violenza esplicita e simbolica, quella di chi ha in mano le chiavi dell’economia speculativa e della ricerca, di già detiene da tempo le armi più distruttive.
Bisogna abbattere questo Moloch di un potere globalizzante che seduce blandendo e controlla maggioranze sempre più ampie e ubbidienti.  Su la testa ora e sempre.  

Fonte(source) —LEGGI TUTTO(read more)—

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.