Stampa / Print


di Gianni Lannes
E’ soltanto una delle 4 centrali atomiche civili (senza contare quella militare a San Piero a Grado in provincia di Pisa), dotata di reattore plutonigeno, ovvero che ha prodotto plutonio (ne bastano 5 chilogrammi per assemblare una fat man, bomba modello Nagasaki). A proposito: dov’è finita tutta questa merce altamente strategica? L’ha presa in consegna lo zio Sam, come di recente alla Trisaia di Rotondella in Basilicata. Secondo i dati ufficiali dell’IAEA, l’Italia dal 1961 al 1993 ha prodotto ben 5670 chilogrammi di plutonio.

Tecnicamente è la “determinazione direttoriale : «Centrale nucleare di Borgo Sabotino (Latina), Attività di decommissioning – disattivazione accelerata per il rilascio incondizionato del sito».
Dopo 30 anni dal primo referendum antinucleare, la centrale atomico di Borgo Sabotino in provincia di Latina non è stata ancora bonificata, mentre gli ignari italidioti seguitano a pagare i relativi oneri nella bolletta elettrica.
Non è tutto: c’è infatti di peggio. Ecco cosa recita il testo del ministero della cosiddetta ecologia avariata:  
«Impianto Cemex di solidificazione di rifiuti radioattivi liquidi e deposito manufatti di III categoria dell’Eurex di Saluggia (VC)». Dunque, come avevo già scoperto e rilevato pubblicamente qualche anno fa, i depositi di scorie nucleari saranno più d’uno nel belpaese. A guadagnarci intascando soldoni pubblici, fino ad oggi dal 1999, è soltanto la Sogin. 

riferimenti:

Fonte(source) —LEGGI TUTTO(read more)—

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.