Stampa / Print
   (OMAR HAJ KADOUR/AFP/Getty Images)


   (OMAR HAJ KADOUR/AFP/Getty Images)


“Bisogna sempre spiegargliele le cose, ai grandi.”

da: Il piccolo principe, Antoine de Saint-Exupéry

di Gianni Lannes

Chi è stato? Chi calpesta la vita appena germogliata?  Chi vuole destabilizzare la Siria? E perché? C’entra qualcosa l’avida bestialità dell’occidente (usa & europa)? Sulla crudeltà dell’uomo parlano le immagini più delle parole. In ogni caso a perdere la vita sono sempre i civili, e tra di essi i più innocenti e indifesi. 
 

   (OMAR HAJ KADOUR/AFP/Getty Images)

 

 

   (OMAR HAJ KADOUR/AFP/Getty Images)

Nelle prime ore di martedì mattina 4 aprile c’è stato un bombardamento chimico nella città di Khan Sheikhun, nella regione di Idlib, nel nord-ovest della Siria. Sarebbero state uccise almeno 74 persone e molte altre sono rimaste ferite e presentano sintomi come difficoltà respiratorie, schiuma alla bocca, vomito, compatibili con gli effetti di qualche tipo di gas nervino. Molti dei morti erano civili e alcuni erano bambini. Poche ore dopo è stato bombardato il principale ospedale della città dove erano stati portati i feriti, hanno scritto AFP e BBC Arabic. Le immagini qui pubblicate sono quelle riprese dalle grandi agenzie fotografiche, tra cui Getty Images e Associated Press, e la cui autenticità è stata verificata. Queste fotografie non  solo raccontano una parte della storia, ma in un certo senso sono la storia. A Idlib infatti, così come in molte altre zone della Siria, non ci sono giornalisti indipendenti che lavorano per grandi testate internazionali: le informazioni che riceviamo da lì si basano soprattutto sulle testimonianze di persone del posto. Per questo le immagini pubblicate dalle agenzie fotografiche sono così importanti: raccontano una storia che altrimenti si sarebbe persa tra la propaganda dell’una o dell’altra parte.

   (OMAR HAJ KADOUR/AFP/Getty Images)


   (OMAR HAJ KADOUR/AFP/Getty Images)

   (OMAR HAJ KADOUR/AFP/Getty Images)

   (OMAR HAJ KADOUR/AFP/Getty Images)
   (OMAR HAJ KADOUR/AFP/Getty Images)

   (OMAR HAJ KADOUR/AFP/Getty Images)
   (OMAR HAJ KADOUR/AFP/Getty Images)

   (OMAR HAJ KADOUR/AFP/Getty Images)

   (OMAR HAJ KADOUR/AFP/Getty Images)

riferimenti:

Fonte(source) —LEGGI TUTTO(read more)—

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.